Quattroruote - Inail Centro Protesi

Patenti speciali

Insieme per la mobilità di tutti

Domande Frequenti

Quali agevolazioni sono previste per i disabili?

  • Iva al 4% su acquisto e modifica del mezzo.
  • Detrazione Irpef (il 19% della spesa sostenuta per acquisto e modifica fino a 18.075,99 euro).
  • Esenzione dal pagamento di tassa di possesso e imposte di trascrizione, anche sui passaggi di proprietà. Fornitura di adattamenti per la guida e/o l’accesso agli invalidi sul lavoro.
  • Parziale rimborso da parte dell'Asl per i dispositivi di adattamento per accesso e guida da parte dell’Asl.

Su quali veicoli si possono avere le facilitazioni?

Auto (di cilindrata fino a 2000 cm3 se a benzina, 2800 cm3 se diesel), autoveicoli per il trasporto promiscuo, motoveicoli e motocarrozzette, autocaravan (questi ultimi solo per la detrazione Irpef).

Ogni quanti anni si ha diritto alle agevolazioni?

I benefici si applicano ogni quattro anni, salvo rottamazione del veicolo attestata da certificato di radiazione o perdita di possesso.

Chi ha diritto alle agevolazioni fiscali sull’auto?

Hanno diritto alle agevolazioni:

  • I soggetti dichiarati portatori di handicap da una commissione medica ai sensi della legge 104 del 1992 e dotati di patente B speciale.
  • I soggetti senza patente con impedite o ridotte capacità motorie permanenti per cui sia necessario adattare la vettura. Gli adattamenti devono essere riportati sulla carta di circolazione del veicolo.
  • I non vedenti, i non udenti, i disabili psichici e gli invalidi con gravi amputazioni e tutto coloro per i quali è riconosciuto lo stato di handicap grave, per i quali non sono richieste modifiche all'auto.

È necessario che la vettura sia intestata alla persona invalida?

L'auto può essere intestata al disabile stesso, il quale può beneficiare delle agevolazioni fiscali. La vettura sarà guidata da altri, dotati di patente tradizionale. In alternativa, qualora il disabile sia fiscalmente a carico di un familiare o di un tutore, la vettura può essere intestata a quest’ultimo. Per essere considerato fiscalmente a carico il disabile non deve avere reddito lordo annuo superiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili (sono esclusi pensioni, indennità e assegni corrisposti agli invalidi civili, ai sordomuti, ai ciechi civili). Va conteggiata invece l'eventuale rendita dell'abitazione principale.

Come devono essere adattati i veicoli ai fini delle agevolazioni?

Con modifiche dei comandi per la guida, compreso il cambio automatico, purché prescritti dalla commissione medica locale; con allestimento per facilitare l’accesso e il trasporto (per sedili girevoli, sollevatori, rampe per carrozzine ecc.). Per i disabili psichici, sensoriali e per le persone affette da handicap grave non è richiesto l’adattamento.

Quali documenti è necessario avere per godere dell’Iva agevolata?

Basta consegnare al venditore, al momento dell'acquisto i seguenti documenti:

  • fotocopia della patente B speciale, per chi ne è in possesso, oppure la richiesta di rilascio della stessa, che dovrà essere conseguita entro un anno;
  • certificazione della commissione medica provinciale attestante l'invalidità;
  • atto notorio attestante che nei quattro anni precedenti non si è beneficiato delle agevolazioni fiscali. In caso di cancellazione dal Pra è necessaria la fotocopia del certificato di radiazione.

Quali documenti è necessario produrre per godere dell’esenzione dal pagamento della tasse di proprietà e documenti?

Basta consegnare all'ufficio dell’Agenzia delle entrate competente per la propria provincia la seguente documentazione:

  • fotocopia della patente speciale;
  • certificazione della commissione medica attestante l'invalidità;
  • copia della carta di circolazione, se la vettura è stata modificata.

Posso detrarre le spese di manutenzione dell’auto?

Sì, solo quelle per la manutenzione straordinaria e sempre nel limite dei 18.075,99 euro nel quadriennio. Non sono detraibili, invece, le spese di manutenzione ordinaria della vettura. L’Iva ridotta al 4%, inoltre, si applica solo agli interventi di modifica del mezzo e non a quelli di manutenzione, per i quali l’aliquota è al 21%.

Ho già la patente B, ho un’invalidità a seguito d’incidente. Come posso trasformarla in B speciale?

Basta prenotare una visita presso la commissione medica locale che valuterà se e quali adattamenti apportare alla vettura e indicherà anche se è necessaria una prova pratica di valutazione per la trasformazione della patente B in B speciale.

Ho la patente C e sono invalido: posso ancora guidare il camion?

Sì, se il parere della commissione medica locale è favorevole. Nel caso, la commissione prescriverà gli adattamenti per la guida del veicolo. Possono essere trasformate in speciali le patenti A, B, C e D. La patente CS permette di guidare tutti i veicoli il cui peso complessivo a pieno carico non superi 115 quintali.

Quali auto sono preferibili per l’accesso in carrozzina?

Sono preferibili i van, i veicoli multispazio e le monovolume, purché abbiamo un’adeguata altezza interna in origine o ricavata attraverso un intervento di ribassamento del pianale. La seduta in carrozzina, infatti, è generalmente più alta rispetto a quella sul sedile del veicolo. Prima di acquistare un veicolo per il trasporto di carrozzine, comunque, è indispensabile ricevere il nulla osta da parte dell’officina che si occuperà dell’allestimento, che verificherà la compatibilità dei dispositivo di accesso con il modello prescelto. La scelta è ampia e si passa dai furgonati fino a veicoli con dimensioni  ridotte: tra questi, Citroën Berlingo con pianale ribassato, Dacia Logan con pianale ribassato, Fiat Doblò e Scudo, Ford Transit Connect, Kia Soul con pianale ribassato, Mercedes Viano, Vito e Crafter, Opel Zafira con pianale ribassato, Peugeot Partner Tepee con pianale ribassato; Renault Kangoo con pianale ribassato e Volkswagen Multivan e Caddy con pianale ribassato.

Per chi necessita un mezzo per la guida in carrozzina, la scelta è ancora più delicata e complessa. Anche in questo caso è indispensabile avvalersi di un’officina qualificata che accompagnerà il cliente nel percorso di acquisto del veicolo più idoneo. Oltre ai furgonati, i veicoli maggiormente utilizzati sono Mercedes Viano e Vito, Volkswagen Multivan e, tra le monovolume più compatte, la Kia Soul con pianale ribassato.

Quali modelli oggi sul mercato dispongono di porte scorrevoli?

I modelli dotati di serie di porte scorrevoli sono: Citroën Berlingo, Dacia Dokker, Fiat Doblò e Qubo, Ford B-Max, C-Max Plus, Tourneo Courier e Tourneo Connect, Lancia Voyager, Mercedes Classe V e Citan, Opel Combo Tour, Peugeot Bipper Tepee e Partner Tepee, Renault Kangoo e Grand Kangoo, Seat Alhambra, Volkswagen Caddy e Sharan.