LO STERZO DELL'AUTO È MOLTO DURO

Dando per scontato che le gomme montate rispettino le misure riportate sulla carta di circolazione (fate una verifica confrontando le cifre riportate sul fianco del pneumatico con quelle indicate nel foglio 3 della carta di circolazione: è il quadrante in basso a sinistra), la causa più probabile è una pressione delle gomme non corretta. La si può controllare facilmente a freddo, con un manometro, in una stazione di servizio. Se, fatta questa operazione, la situazione non migliora, bisogna chiedere assistenza a un’officina.

LO STERZO DELL'AUTO VIBRA

Probabilmente, una delle ruote anteriori ha qualche problema: la gomma è irregolarmente usurata, il cerchio non correttamente fissato sul mozzo i cuscinetti usurati. Potrebbe anche essere che le gomme si siano ovalizzate o che i cerchi (specie se ci è capitato di affrontare un marciapiede) si siano deformati. In generale tutti questi problemi determinano vibrazioni che aumentano all'aumentare della velocità. L'intervento di un gommista prima, e di un autofficina poi, è sempre necessario.

LO STERZO DELL'AUTO È BLOCCATO

Se il volante è molto pesante da girare quando il motore è acceso, la mancanza di olio del servosterzo potrebbe spiegare il problema: è facile verificare il livello controllandolo nell'apposita vaschetta nel vano motore, identificata da un ideogramma che raffigura un piccolo volante. Il rabbocco (con olio specifico) è semplice da effettuare, aiutandosi con le indicazioni del libretto di uso e manutenzione. Un'altra causa può essere la rottura della cinghia dei servizi, che abitualmente comanda la pompa dell'idroguida. In presenza di servosterzo elettrico, il problema è accompagnato dall’accensione di una spia a forma di volante: il ricorso al meccanico è indispensabile.