CURA E PULIZIA

LAVAGGIO

Per non intaccare la vernice della carrozzeria, occorre eliminare al più presto le tracce d'olio, di sale antighiaccio e di carburante, la resina delle piante, gli escrementi degli uccelli e i residui dei moscerini.

Il Decreto legislativo 3 aprile 2006 (n. 152, "Norme in materia ambientale") e il Codice della strada (titolo II, art. 15), di fatto vietano il lavaggio dell'auto al di fuori degli impianti di car wash, all'interno dei quali è vietato, con le stesse motivazioni ambientali, l'uso di detersivi diversi da quelli forniti dai dispenser a gettone.

In ogni caso, non lavare la vettura sotto il sole: asciugando, l'acqua lascerebbe antiestetiche macchie.

Spruzzare abbondantemente la carrozzeria di acqua e passare la spugna, prima sulle parti alte della vettura, poi in basso e in ultimo sulle ruote.

Per l'asciugatura, utilizzare due pelli di daino o sintetiche: la prima per le parti alte e i cristalli, l'altra per le zone inferiori e le ruote.

Pulire anche la zona del giroporta e l'interno dei cofani, dove si raccolgono l'acqua di lavaggio e lo sporco.

PULIZIA DEGLI INTERNI

La pulizia degli interni è uno fra i tanti argomenti trattati nel libretto d'uso e manutenzione, che propone una serie di utili consigli.

Per pulire sedili e tappetini usare l'aspirapolvere; per plancia e pannelli porta, la pelle di daino (o sintetica) umida e ben strizzata.

Per i pannelli di plastica, si possono usare detergenti per la pulizia dei vetri di casa.

Evitare di applicare prodotti al cruscotto: oltre a dare una discutibile finitura troppo lucida, evaporano, lasciando una patina oleosa sul parabrezza.

In caso di macchie sui rivestimenti di stoffa, utilizzare un prodotto specifico, seguendo le istruzioni.

Trattare periodicamente eventuali interni di pelle con apposite schiume che li proteggano dalla dannosa azione del sole. Esse nutrono il cuoio e prevengono la formazione di screpolature.