Informazione pubblicitaria
Karoq

Da un paio d'anni l'Alaska è diventata una specie di terra promessa per Škoda. Non tutto lo Stato americano, in realtà, ma solo Kodiak, una grande isola ma anche un arcipelago che, a 10 ore di navigazione da Homer, la più vicina città della costa meridionale, ospita una comunità di 15.000 persone.

KAROQ E L'ISOLA 'DELLE Škoda'

Proprio grazie a Škoda l'isola è diventata un posto ben più noto di quello che tradizioni, cultura e commercio avrebbero potuto assicurare nel tempo

Consumo di carburante urbano/extraurbano/combinato 6,8/5,0/5,6 (l/100 km). Emissione massima di biossido di carbonio (CO2): 131 (g/km).

Questo perché lo scorso anno, la Casa automobilistica boema ha voluto battezzare il primo SUV della sua storia ispirandosi all'altro soggetto, a quattro zampe e di pelo folto, che abita i 9.300 kmq del territorio: l'orso bruno di razza Kodiak. 3.500 esemplari (uno ogni quattro abitanti...) che prende il nome dell'isola e che Škoda ha voluto modificare in Kodiaq, omaggiando con la Q finale la lingua della nativa tribù Alutiiq. Una storia particolare, vissuta tanto intensamente dagli isolani da indurli, in onore del modello Škoda, addirittura a cambiare, per un solo giorno (il 6 maggio 2016) e correggendo cartelli stradali e insegne, il nome dell'isola in Kodiaq.

Quest'anno la cosa si è ripetuta, ma in modo diverso, come racconta il divertente video “Find the name”.

Per trovare il nome al suo nuovo SUV compatto e di medie dimensioni, Škoda ha distribuito centinaia di modellini della nuova auto a tutta la popolazione, perché laaiutasse a trovare ispirazionee invitandola a dare libero sfogo alla fantasia.

Dopo una lunga selezione di tutti i suggerimenti depositati in un'urna fuori dall'ufficio postale della città, selezione che, tra gli altri, ha scartato nomi come Grizz - abbreviativo di grizzly, l'altro orso che abita gli USA - e Flame – proposto, non a caso, da un vigile del fuoco -, la scelta è caduta su Karoq, unione dalle due parole in lingua Alutiiq kaa’raq, che significa “auto”, e ruq, “freccia”, simbolo alato del marchio Škoda. Quando Pat Branson, dinamico sindaco di Kodiak City, con una chiamata via Skype diffusa in diretta per tutta la città ha comunicato il risultato a Škoda, al marketing team della Casa il nome è piaciuto davvero tanto: secco, preciso, dà il senso della potenza e dell'agilità, della robustezza e della leggerezza tipiche del nuovo SUV.
http://www.skoda-auto.it/modelli/gamma-karoq/karoq

Škoda Karoq arriva sul mercato forte della più che positiva esperienza maturata con kodiaq, un SUV di dimensioni generose e dal design dinamico e moderno che ha rapidamente conquistato i favori del pubblico. Della Kodiaq, Karoq evolve i contenuti con uno stile dinamico e moderno, un'abitabilità da primato e soluzioni tecnologiche e pratiche di alto livello.

L’ispirazione alla ‘sorella maggiore’ non è solo nel nome -che dà continuità fonetica alla famiglia SUV di Škoda - ma anche nella linea, caratterizzata da una fiancata morbidamente scolpita e dal tetto spiovente, che dà dinamismo all'insieme. Le proporzioni di Karoq sono però più compatte e ben sottolineate dagli sbalzi anteriore e posteriore contenuti, senza rinunciare a quella abitabilità da primato che è nel DNA del Marchio.
Il muso è un concentrato degli stilemi degli Sport Utility Vehicle Škoda fatti della calandra a barre verticali e dai gruppi ottici full LED che sulla Karoq sono particolarmente affilati. Design di alta qualità anche per la parte posteriore, ben definita dalle nuove luci a LED e dal portellone, abbastanza ampio da consentire un comodo accesso al vano di carico che, per capacità e modularità, è uno dei punti di forza del nuovo SUV. Interessante e unico nel suo genere è il sistema VarioFlex che, oltre alla normale funzione di modulare la capacità di carico tramite l'abbattimento degli schienali, comprende la possibilità di smontare completamente i sedili portando il volume disponibile a 1.810 litri, un valore più adatto a un van che a un normale SUV. Spazio non solo per i bagagli ma anche e soprattutto per i passeggeri, che hanno a disposizione sedute comode e preziosi centimetri per le gambe in un ambiente reso piacevole e raffinato dalla cura dei dettagli e da equipaggiamenti evoluti e di altissima qualità.
Pratici da utilizzare, come il sistema di infotainment, e belli da vedere, come lo spettacolare Digital Cockpit, una prima assoluta per Škoda, che offre il piacere di creare il layout del proprio cruscotto strumenti digitale dando priorità alle funzioni preferite. Ma anche perfetti per viaggiare sempre connessi e, grazie alla speciale modalità off-road delle sospensioni, liberi di scegliere le strade da percorrere. Anche se innevate, ghiacciate o sterrate come quelle che capita di incontrare in Alaska, a Kodiak, l'isola delle Škoda più emozionanti.

Consumo di carburante urbano/extraurbano/combinato 6,8/5,0/5,6 (l/100 km).
Emissione massima di biossido di carbonio (CO2): 131 (g/km).