Pininfarina CambianoCaratteristiche e foto ufficiali

Pininfarina Cambiano Caratteristiche e foto ufficiali Pininfarina Cambiano Caratteristiche e foto ufficiali Pininfarina Cambiano Caratteristiche e foto ufficiali Pininfarina Cambiano Caratteristiche e foto ufficiali Pininfarina Cambiano Caratteristiche e foto ufficiali Pininfarina Cambiano Caratteristiche e foto ufficiali
 

Una concept car, deve essere per forza esasperata nello spirito, clamorosa nelle forme e poi, il più delle volte, sparire nel nulla lasciando un bel ricordo? Non la Pininfarina Cambiano, la concept per il Salone di Ginevra. Forse resterà. La più recente fatica dell'atelier piemontese colpisce la fantasia, ricorda un marchio, un nome, un designer, ma non è un prototipo come gli altri. "La Cambiano - afferma l'ingegner Paolo Pininfarina - rappresenta un'innovazione per l'azienda. Per i contenuti e poi perché è stata realizzata con più tempo a disposizione e adottando una metodologia lavorativa più organizzata, fattori che hanno consentito uno sviluppo più sereno". E più sereno sarà anche il domani della Pininfarina. Ne è convinto l'amministratore delegato, Silvio Piero Angori, per il quale il futuro industriale della società passerà attraverso il design, inteso come stile e ingegneria, la mobilità sostenibile e la valorizzazione del marchio.

Dichiarazione d'intenti. Come per ogni nuovo corso che si rispetti, c'è però bisogno di un'auto che sia una sorta di manifesto programmatico. Ecco che con la Cambiano prende forma una futura berlina sportiva, elegante e raffinata, concepita con una notevole attenzione all'ambiente, sia nella motorizzazione sia nella scelta dei materiali. Scaturita dalla matita del designer Fabio Filippini, la Cambiano mette insieme concetti di stile differenti, come quello di un'imponente berlina con una filante coupé rivelando immediatamente il suo carattere. A cominciare dalla disposizione anticonvenzionale delle porte: dal lato conducente si presenta come una coupé, con una sola porta, mentre dal lato passeggero offre due porte con apertura ad armadio, senza montante centrale, per facilitare l'accesso e valorizzare al massimo l'abitacolo a quattro posti, spazioso e luminoso.

Legni veneziani. La Cambiano si fa notare anche per alcune soluzioni raffinate di indubbio impatto visivo, come i gruppi ottici posteriori con led nascosti da una barra cromata che riflettono la luce negli incavi della carrozzeria e, all'interno, per scelta di materiali ecosostenibili, come alcuni rivestimenti che utilizzano il legno delle briccole, i pali di ormeggio della laguna di Venezia.

Nata dal foglio bianco. Capita sempre più di rado che la realizzazione di una concept car sia frutto di un progetto completamente nuovo. Normalmente, infatti, per una carrozzeria è molto più conveniente e rapido ricorrere a componenti preesistenti, se non addirittura all'intero pianale, ai motori, alle sospensioni. La Cambiano, invece, spiega l'ingegner Andrea Maria Benedetto, nasce anche tecnicamente da zero per non sottostare a nessun condizionamento e arrivare ad un'auto ottimizzata sotto tutti gli aspetti.

Extended range. La cellula centrale (componibile) di fibra di carbonio sorregge i moduli anteriore e posteriore ai quali sono fissate le sospensioni a quadrilateri deformabili. La Cambiano è un'elettrica plug-in range extended, spinta da quattro motori elettrici da 60 kW (uno per ruota), con un propulsore anteriore a turbina che funziona a gasolio e che fa da generatore quando si esauriscono le batterie. Secondo la Pininfarina, la Cambiano raggiunge i 275 km/h, accelera da 0 a 100 km/h in 4,2 secondi e ha un autonomia, in elettrico, di oltre 200 chilometri.

Da Cambiano (Torino), Emanuele Sanfront

avatar
STEFANO MANTELLI
27 febbraio 2012
linea bellissima e attuale!..un po di personalizzazione del fanali e del frontale per caratterizzare il marchio alfa..e poi....Fiat sveglia!!!!!!
risposta >
avatar
STEFANO MANTELLI
27 febbraio 2012
aggiungo che secondo me potrebbe essere anche la futura dodge challanger....opportunamente caratterizzata...
avatar
Danny Wilde
27 febbraio 2012
Il lato con le due porte la fa sembrare slanciata e leggera, le foto dell'altro lato paiono mostrare un'auto un po' "pesante". Interessantissimi gli interni -mi permetto di ricordare la Ferrari Pinin di Otina ed il mago disegnatore dei suoi interni. ed i due montanti dei finestrini, ovviamente sfasati, non hanno inclinazione parallela. è voluta la cosa?
ARTICOLI CORRELATI
Novità su Quattroruote