• player icon Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
    News
    Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
  • player icon Skoda Kodiaq: in anteprima alla guida della Suv ceca
    Première
    Skoda Kodiaq: in anteprima alla guida della Suv ceca
  • player icon Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
    News
    Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
  • player icon Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
    News
    Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018

Faraday Future
FFZERO1, la super elettrica per il CES 2016 [Video]

 

Con quella coda filante ed estrema, la pinna centrale e la capsula-abitacolo, potrebbe essere una perfetta Batmobile. E invece, la concept FFZERO1 rappresenta la "prima" di Faraday Future, la start-up losangelina finanziata dal miliardario cinese Jia Yueting che si ripromette di sfidare la Tesla e "rivoluzionare l'industria automotive" con una serie di elettriche autonome. La vettura sperimentale, di fatto una supercar a emissioni zero, è stata presentata questa notte a Las Vegas ed è una delle protagoniste del CES 2016, al via in queste ore.

Resistenza al minimo. La FFZERO1 è una monoposto connessa e autonoma che punta tutto sull'aerodinamica, con superfici sinuose e morbide sull'anteriore (il quale lascia intravedere le sospensioni racing nella vista frontale) e forme più squadrate verso la coda, "incisa" dalla pinna e caratterizzata dalle linee dei gruppi ottici, tagliati come i fari posizionati davanti (in pratica, una linea luminosa continua). L'abitacolo contribuisce a ridurre ulteriormente la resistenza aerodinamica e non mancano soluzioni per favorire il raffreddamento delle batterie con prese d'aria sviluppate ad hoc. Ampio l'utilizzo di fibra di carbonio e materiali leggeri, sia all'interno che all'esterno della vettura.

Quattro motori. Per la concept, i tecnici della Faraday Future hanno studiato la Variable Platform Architecture (VPA), piattaforma costruita con materiali avanzati che prevede una batteria posizionata centralmente e organizzata in "strisce modulari": la Casa non specifica la potenza dell'accumulatore, ma spiega che i quattro motori sono teoricamente in grado di sviluppare 1.000 CV, facendo accelerare la FFZERO1 da 0 a 60 miglia orarie (96,5 km/h) in meno di tre secondi, fino a una velocità massima di oltre 320 km/h.

Connessa e intelligente. All'interno dell'abitacolo, la FFZERO1 impiega un sedile ispirato alle ricerche della Nasa, un volante-cloche con supporto per lo smartphone e un head-up display di ultima generazione: Faraday parla di una vera e propria "interfaccia" intuitiva, ulteriore passo verso una guida che combinerà sempre di più virtuale e reale. L'auto è inoltre in grado di connettersi al telefonino del pilota (per regolare in automatico i settaggi personalizzati) e di analizzare attivamente i propri sistemi. La Casa non ha fornito specifiche sulle soluzioni autonome, ma la presenza del volante fa ipotizzare un pilota automatico attivabile a piacimento.

La produzione in serie. Per Faraday, il difficile viene adesso. La super concept, destinata a rimanere tale, apre infatti le porte alla più canonica (e complessa) produzione in serie, prevista nel 2017: non a caso, lo stesso filmato di presentazione della FFZERO1 si chiude con la fulminea anticipazione di un'altra vettura dalle linee simili a quelle di una Suv. Grazie all'accordo appena chiuso con il Nevada, la prima fabbrica della start-up sorgerà a nord di Las Vegas, impiegando circa 4.500 persone: sulla carta, l'investimento è di un miliardo di dollari, mentre i modelli previsti sono sette. Secondo Faraday, la piattaforma VPA sarà scalabile e adattabile a diverse tipologie di vetture a trazione anteriore, posteriore o integrale.

Come l'iPhone. Per quanto riguarda i modelli, la mission aziendale prevede lo sviluppo di elettriche autonome ad alto tasso tecnologico. La start-up punterà anche sul car sharing e sulle flotte, arrivando a sviluppare un sistema di mobilità "integrato e intelligente" che spera di essere rivoluzionario come l'iPhone: "Apple non ha soltanto ridefinito il concetto di telefono - ha spiegato ieri Nick Sampson, capo della ricerca e sviluppo - Ha trasformato il modo in cui comunichiamo e organizziamo la nostra vita. Noi speriamo di  fare lo stesso". Al momento i dettagli scarseggiano, ma a quanto pare il modello di business della Faraday Future sarà molto flessibile, con soluzioni oltre il semplice acquisto delle elettriche.

Soldi e talenti. A Las Vegas l'ambizione è tanta, ma le premesse per superare l'immagine, le concept e le parole non mancano: assieme alle risorse di Yueting (il 17° uomo più ricco della Cina grazia a LeTV, la "YouTube cinese"), Faraday può infatti contare su diversi professionisti di alto livello. Oltre a Sampson (responsabile dell'ingegnerizzazione della Model S fino al 2012), l'altra figura di spicco è Richard Kim, già a capo del team che ha sviluppato la concept per la BMW i8. Fino a ieri la Casa ha potuto contare anche su Porter Harris, direttore dell'architettura delle batterie con un passato nella SpaceX di Elon Musk: alla vigilia della presentazione di Las Vegas, l'ingegnere ha infatti lasciato l'azienda per dirigere la Ricerca e Sviluppo della Lotus. Prassi, nella Silicon Valley, dove anche le capacità viaggiano (e si rimpiazzano) alla velocità della luce.  

Davide Comunello