Sei in: Home > Auto > Concept > Sarà prodotta in serie nel 2020 - VIDEO

Volkswagen I.D. CrozzSarà prodotta in serie nel 2020 - VIDEO

 

La Volkswagen Group Night al Salone di Francoforte ha dato spazio anche all’edizione aggiornata della I.D. Crozz, la crossover della nuova famiglia elettrica di Wolfsburg: la concept, battezzata Crozz II, riprende la prima versione in vista della produzione in serie, fissata nel 2020. Lo stesso orizzonte industriale della I.D. compatta.

Verso le linee di montaggio. La Crozz II, in livrea Hibiscus Red Metallic, prepara la concept per l’incarnazione finale, accentuando la natura di Suv. I nuovi cerchi di lega da 21”, con elementi di alluminio, si affiancano alla rivisitazione dei Led e degli interni, contraddistinti da un quadro strumenti modificato e da quattro sedili in Alcantara configurabili. Per questa versione, i tecnici della Volkswagen hanno sviluppato un nuovo sistema di interazione vocale che permette di aprire e chiudere le porte e di attivare il sistema autonomo I.D. Pilot "dialogando" con la vettura.

Trazione integrale e 306 CV. La Crozz II, sempre basata sulla piattaforma Meb, può contare su due motori elettrici, uno per asse, per una potenza complessiva di 225 kW (306 CV). La velocità massima è di 180 km/h, mentre l’autonomia Nedc è di 500 km.

2017-Volkswagen-ID-Crozz-Concept-3

La concept sfrutta la trazione integrale 4MOTION, gestendo la distribuzione della coppia in maniera dinamica grazie a un sistema creato ad hoc. Infine, le batterie possono essere ricaricate per l’80% in mezz’ora con colonnine da 150 kW.

Il futuro delle I.D. Presentando la Crozz II, la Volkswagen ha confermato la produzione in serie del pulmino I.D. Buzz: l’erede del leggendario Bulli raggiungerà il mercato nel 2022, affiancando la Crozz e la I.D. berlina. Per la gamma elettrica, il costruttore ha annunciato un’autonomia variabile dai 500 ai 600 km, la digitalizzazione di tutti i controlli e dei display e il supporto del sistema autonomo I.D. Pilot, disponibile come optional. Entro il 2025, la famiglia dovrebbe garantire un milione di immatricolazioni l’anno. D.C.