Sei in: Home > News > Curiosità > A L'Avana c'è anche "The Beast", la super limousine presidenziale

Obama a CubaA L'Avana c'è anche "The Beast", la super limousine presidenziale

 

La chiamano The Beast, "la bestia" (o anche Cadillac One) ed è la corazzatissima limousine che sta accompagnando Barack Obama nella sua visita a Cuba. L'auto gestita dai servizi segreti americani è stata avvistata ieri sulla pista dell'aeroporto José Martí, a L'Avana, pronta a recuperare la famiglia presidenziale appena sbarcata dall'Air Force One: un viaggio storico, in cui le quattro ruote sono nuovamente protagoniste.

Evento eccezionale. L'ultima visita a Cuba di un presidente americano in carica risale a 88 anni fa: allora toccò a Calvin Coolidge, arrivato sull'isola per la conferenza panamericana del 1928. Per Obama, quindi, si tratta di un'opportunità senza precedenti: ieri l'inquilino della Casa Bianca è stato accolto dal ministro degli Esteri Bruno Eduardo Rodriguez Parrilla, mentre oggi è previsto l'incontro con Raúl Castro.

Bestia di nome e di fatto. Durante il viaggio, "The Beast" sarà chiamata a garantire la sicurezza del presidente: la limousine, interamente custom made e in grado di trasportare fino a sette persone, fa parte di una flotta di dodici veicoli identici in servizio dal 2009. La limousine vanta soluzioni uniche a partire dalla piattaforma, derivata dalla Chevrolet Kodiak. Delle Cadillac, in particolare della DTS e della Escalade, la vettura conserva invece la griglia anteriore e il caratteristico badge. Il motore è avvolto dal mistero (si parla di un V8 a benzina, ma c'è chi indica anche un Duramax diesel di 6.6 litri) così come il peso, dato tra i 6.800 e i 9.100 kg. La velocità massima sfiora i 100 km/h, mentre i consumi, 29 l/100 km, sono in sintonia con il soprannome. Infine, bestiale è anche il prezzo, 1,5 milioni di dollari (circa 1,3 milioni di euro).

Teh Beast in una foto fornita dalla Cadillac


Blindatura e fucili.
Le caratteristiche più affascinanti della "bestia" sono sicuramente quelle relative alla sicurezza. La limo, in grado di resistere agli attacchi chimici, vanta pneumatici run-flat rinforzati con il kevlar, un serbatoio corazzato e una blindatura spessa 130 mm, mentre le porte arrivano a 200. All'interno, il veicolo adotta dei visori notturni, una riserva di ossigeno, sacche contenenti il sangue dello stesso gruppo del presidente, un sistema anticendio e fucili a pompa sempre a disposizione degli agenti. Il mito parla persino di granate fumogene (per ingannare eventuali razzi) e di gas lacrimogeni. Ovviamente, "The Beast" è un'auto connessa, sia al al web sia al sistema satellitare americano.

L'erede nel 2017. Nonostante le sue impressionanti caratteristiche, la limousine è arrivata al capolinea: nel 2017, il veicolo andrà infatti in pensione, lasciando il posto a un'altra "Cadillac". Le prime foto spia sono apparse all'inizio di quest'anno: nonostante le camuffature, il look sembra ancora più simile a quello delle vetture di serie. D.C.