• player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3
  • player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
  • player icon Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
    News
    Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
  • player icon Simulatore di guida Danisi Engineering
    News
    Simulatore di guida Danisi Engineering

Vendere l'auto - 3
Una rinfrescata all'abitacolo - VIDEO

 

La stessa cura che abbiamo utilizzato per l’esterno bisogna riservarla all’interno. Dopo aver aspirato la polvere e la sporcizia dal fondo della vettura, si possono pulire i tappetini e i sedili con appositi prodotti. I migliori risultati li dà il vapore, ma il pericolo, soprattutto d’inverno, è il ristagno dell’umidità e l’insorgere del cattivo odore. Per evitarlo, abbiamo scelto il lavaggio a secco che può avere ragione anche dello sporco più ostinato. Per esempio, eventuali tracce di gomma da masticare possono essere eliminate scaldando la zona interessata con un phon e utilizzando una spazzola a setole dure: va benissimo quella per i colletti e i polsini delle camicie. Eventuali aloni possono essere corretti con il detergente per moquette. Dopodiché, l’attenzione va rivolta alla plancia: è necessario spolverarla con un panno di microfibra. Bocchette di aerazione e comandi sul tunnel possono essere ripuliti più a fondo con un pennello a setole morbide. Il tocco finale, poi, consiste nello spruzzare un apposito prodotto per la plastica. Sconsigliamo quelli a base di silicone che danno un effetto lucido e innaturale.

Redazione online