Sei in: Home > News > Curiosità > Destinazione Cina: lavorerà per Baic

Walter de SilvaDestinazione Cina: lavorerà per Baic

 

Walter de Silva continuerà a fare il designer di auto, mettendo la sua competenza a disposizione di un marchio cinese: lo ha reso noto il diretto interessato, in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport e pubblicata nell'edizione odierna del quotidiano sportivo.

Disegnerà elettriche. "Mi sono accordato con una engineering tedesca, la Edac, che per conto della cinese ArcFox disegnerà auto elettriche", ha dichiarato IL 66enne designer. "Non si tratta di un'auto", ha aggiunto de Silva "ma di una famiglia di vetture, e avrò il compito di realizzare la brand identity". L'accordo con i cinesi ha durata pluriennale (fino al 2022) e secondo quanto reso noto dallo stilista lecchese prevede la creazione di una gamma che andrà "dalla citycar alla media".

Dietro c'è la Baic. ArcFox, marchio poco noto in occidente, è emanazione del gruppo Beijing Auto (Baic), storico partner di Mercedes-Benz in Cina che nel novembre del 2013 ha visto l'ingresso dei tedeschi nel capitale (con l'acquisizione del 12%). Il neonato brand, dedicato alla produzione di modelli a zero emissioni, ha fatto vedere finora due prototipi, quello di un'utilitaria (ArcFox 1) e quello di una supercar (ArcFox 7). Per il momento non esistono date precise sul debutto dei primi modelli di serie.

Il lungo esodo dei creativi europei. La partenza di de Silva è solo l'ultimo episodio di un lungo esodo: prima di lui, tra gli altri, hanno preso la via della seta Wolfgang Egger (ex Audi e Alfa Romeo) che lo scorso novembre ha raggiunto la corte del marchio Byd, Peter Horbury (ex Ford e Volvo, ora si occupa di Geely e Lynk & Co), Gert Hildebrand (dalla Mini alla Qoros) e Anders Warming, oggi a capo di un nutrito drappello di fuoriusciti BMW accolti dalla Borgward. F.S.