Sei in: Home > Prove > Diario di bordo > Una settimana con il 3.0 V6 TDI 4Motion Aventura - VIDEO

Volkswagen AmarokUna settimana con il 3.0 V6 TDI 4Motion Aventura - VIDEO

 

Quando è stata l’ultima volta che abbiamo avuto a che fare con i pick-up? In realtà non è passato molto tempo, ma dai nostri reportage mancava un modello molto speciale: il Volkswagen Amarok, che nell’edizione Euro 6 guadagna addirittura il 3.0 litri V6 da 224 CV. Lungo 5,2 metri, largo 1,9, alto 1,8 e con un passo di 3 metri, offre sedili rivestiti di pelle e un display da 6,3 pollici attraverso il quale si gestisce il sistema d'infotainment. Il nostro video-diario di cinque giorni spazierà delle doti meccaniche alle qualità di guida, dalle possibilità di carico ai risvolti legislativi. Buona visione!

Day 1. Su tutto troneggia un motore eccezionale, potentissimo e vellutato, che di solito è merce rara fra i veicoli da lavoro. Al pari degli interni di pelle, del cambio automatico a 8 marce, delle regolazioni elettriche dei sedili. Nel primo giorno, facciamo conoscenza con questo pick-up in pullover di cachemire. Carlo Bellati, redazione WebTv

Day 2. In base al Codice della strada, l’unica limitazione che riguarda gli autocarri è il trasporto di persone, che possono essere solo quelle addette all’uso o al carico/scarico delle cose trasportate. A bordo, quindi, non devono esservi soggetti estranei al trasporto (per esempio i bambini). Nessuna limitazione, invece, sui giorni di utilizzo (ma se il pick-up è intestato a un’impresa l’uso dev’essere coerente con la disciplina fiscale adottata). L’unico vantaggio pratico è di natura fiscale: il bollo, infatti, si paga in base alla portata e non sulla potenza. Mario Rossi, redazione Attualità, inchieste, mercato

Day 3. Tutti abbiamo sempre pensato al pick-up come a un mezzo da lavoro, spartano e poco avvezzo a dare soddisfazioni. Beh, il Volkswagen Amarok sta lì proprio a demolire diversi luoghi comuni. Certo, è lungo cinque metri e 25, non è pratico nei parcheggi e richiede un garage extra-long. Però si guida bene, è molto brillante grazie al 3.0 V6 TDI, che mostra tutte le sue doti anche con una massa importante come questa. Il cambio automatico ZF, poi, rende il pick-up godibile e, all’occasione, quasi divertente. Poi c’è tutta la sicurezza della trazione integrale permanente con differenziale Torsen. Andrea Stassano, redazione Prove su strada

Day 4. Come impostazione meccanica i pick-up sono molto simili tra loro. Ma con qualche eccezione. È il caso dell’Amarok che adotta soluzioni tecniche degne di una berlina premium. L’ultima pregevole novità è il nuovo sei cilindri di tre litri abbinato sulla nostra versione Aventura a un cambio automatico a otto marce. La trazione integrale è permanente col differenziale Torsen che distribuisce la generosissima coppia. Nonostante le dimensioni importanti, l’agilità in fuoristrada è discreta, complice la presenza di efficaci sistemi di assistenza alla guida in salita e discesa. Marco Ghezzi

Day 5. Ultimo giorno del nostro Diario di bordo con il Volkswagen Amarok. Dopo averne analizzato la dinamica di guida, su strada e in off-road, e gli aspetti legislativi, diamo un’occhiata a una delle caratteristiche principali per questa tipologia di mezzi: la capacità di carico. Alessandro Carcano, redazione Internet