Sei in: Home > Prove > Diario di bordo > Una settimana con la 3.0 Turbo Sport Tech - VIDEO

Infiniti Q50Una settimana con la 3.0 Turbo Sport Tech - VIDEO

 

La protagonista del diario di bordo di questa settimana è la Infiniti Q50, la berlina di segmento D con la quale la Casa nipponica lancia la sfida alle concorrenti premium tedesche. Il modello che metteremo sotto la lente di ingrandimento è la versione 3.0 turbo Sport Tech da 405 CV, che ha una dotazione piuttosto ricca e un prezzo di listino di 62.950 euro.

Day 1. La Infiniti Q50 si fa riconoscere per il suo design grintoso e particolare: la calandra è quella classica di casa Infiniti ed è caratterizzata dal doppio arco sui lati e dalla griglia a nido d’ape. La berlina è lunga 480 cm, larga 182 e alta 143 cm. Dentro, tutto è studiato per trasmettere immediatamente agli occupanti la percezione di lusso: al centro della plancia trovano spazio ben due touch screen, uno per il navigatore e uno per le altre funzioni di bordo e le app. Per saperne di più non perdetevi il primo giorno del nostro diario di bordo. Francesca Galbiati, redazione WebTv

Day 2. Oltre allo sterzo “by wire” e al potente V6 turbo, l'Infiniti Q50 dal punto di vista costruttivo punta a stare al passo con le dirette concorrenti: le premium tedesche Audi, BMW, Mercedes. Diversamente da quest’ultime, la berlina sportiva giapponese è sì ben fatta, ma con un approccio più pragmatico, che bada al sodo. E non manca una chicca, più unica che rara. Nel video, Roberto Boni della redazione Prove su strada/tecnica esamina la Q50 per mostrarci com’è fatta.  

Day 3. Per infilarsi nell’agone delle berline “sportive-ma-non-troppo” frequentato dai mostri sacri della categoria, in mezzo a macchine come la BMW Serie 3, l’Audi S4, la Mercedes-Benz Classe C o la Jaguar XE, ci vuole tanta consapevolezza: all’Infiniti, evidentemente, sanno di potersi giocare delle buone carte. Come quella della potenza massima, che su questa Q50S Sport Tech supera abbondantemente quota 400 CV (405, per la precisione). Più di quanti ne abbia una qualsiasi altra concorrente che insista nella medesima fascia di pezzo, ovvero intorno ai sessanta mila euro. Peccato solo per il superbollo… Carlo Di Giusto, redazione Attualità

Day 4. Non lasciatevi ingannare dalle apparenze, il volante della Q50 non è uguale a quello delle altre automobili. Perché? Perché non è collegato direttamente alle ruote, almeno non nel senso tradizionale del termine. Il collegamento c’è ma è puramente elettronico. Quando girate il volante della Q50 in realtà non fate altro che segnalare a un computer il vostro desiderio di voler far girare l’auto in quella direzione. È la prima volta che un sistema di questo tipo viene proposto su di un’auto di serie. Una vera rivoluzione tecnica che apre nuovi e affascinati scenari sulla dinamica di guida. Marco Perucca Orfei, Centro Prove

Day 5. La settimana volge al termine e con un’auto da 405 cavalli non si poteva non lasciare un po’ di gomma sulla nostra pista. Cerchiamo la risposta a tre domande: quanto fa da zero a cento? E - benché sportivissima - è ancora comoda come tutte le Infiniti? Infine, come funzionano i sistemi Adas? Nel video ci sono tutte le risposte. Carlo Bellati, redazione WebTv