Vecchie autoROTTAMAZIONE GRATUITA

 

Finora capitava che per rottamare un'auto non appetibile per i demolitori il proprietario dovesse pagare per il "disturbo". Dal 1° gennaio del 2007 non sarà più così, grazie all'entrata in vigore del decreto legislativo 149 del 23 febbraio 2006, che attua la direttiva comunitaria 2000/53. In pratica, chi consegna la macchina da demolire a un concessionario o a un centro autorizzato di rottamazione non deve pagare nulla, indipendentemente dall'anno di immatricolazione della vettura (finora l'operazione era gratuita soltanto per le auto vendute dopo il 1° luglio 2002).

Affinché il ritiro della vettura da rottamare sia gratuito, devono essere rispettati i seguenti requisiti:

1) l'auto deve essere consegnata presso un impianto indicato dalla casa costruttrice;
2) deve essere completa, cioè dotata degli elementi essenziali quali motore, trasmissione, carrozzeria, centraline elettroniche e catalizzatore;
3) deve essere esente da rifiuti aggiunti (ad esempio, quelli derivanti da attività di giardinaggio o domestiche, ulteriori pneumatici eccetera).

Gli unici costi a carico del cliente sono quelli legati alla cancellazione dell'auto al Pra (Pubblico registro automobilistico) e gli eventuali costi di trasporto fino al demolitore o al rivenditore autorizzato. Da notare che se il cliente acquista una vettura nuova o usata in sostituzione di quella da rottamare, la Casa deve ritirare gratuitamente una vettura a fine vita, indipendentemente dalla sua marca.

Per questo motivo il gruppo Fiat ha organizzato una rete di centri raccolta e demolizione (sono già 125 e diventeranno 160 a fine dicembre 2006) e altrettanto dovranno fare le altre Case automobistiche che operano in Italia. Insomma, ogni costruttore diventa responsabile del corretto smaltimento di quanto ha prodotto.

La normativa prevede inoltre che le case costruttrici e gli importatori di veicoli nuovi, insieme con gli altri operatori del settore, rispettino gli obiettivi di riciclaggio e recupero dell'85% in peso entro il 2006 e del 95% in peso entro il 2015. In Italia non sarà facile raggiungere questi obiettivi per la difficoltà di smaltire il cosiddetto "fluff", ossia il macinato di gomme, materiali sintetici e schiume che resta dopo aver recuperato il grosso di metalli, vetri, plastiche eccetera.

Infatti, da gennaio sarà vietato mandare in discarica materiali con elevato potere calorifico, quale è il "fluff", ma, al contrario di quanto avviene in Francia e Germania, in Italia non esistono termovalorizzatori dove questo materiale, derivato dal petrolio e quindi buon combustibile, può essere bruciato senza emissioni pericolose e con il recupero dell'energia in esso contenuta (entro il 2015 la direttiva europea prevede che fino al 10% in peso dell'auto rottamata possa essere recuperato bruciandolo, mentre oggi il limite è del 5%).

avatar
mboccomino
21 novembre 2006 11.21
Quello che spero, è che le vetture vendute come Euro 4 vengano predisposte per diventare Euro 5. Mi piacerebbe che Quattroruote sensibilizzasse l'opinione pubblica a questo proposito. Se ora si rottamano euro 0 /1 / 2 / 3, poi toccherà alle Euro 4. Dal momento che si conosce già quali normative sono rispettate dalle Euro 5, si potrebbe già predisporre le vetture per una futura trasformazione.
avatar
lgiustini
21 novembre 2006 13.30
Tutto ok. Ma cosa succede quando la Casa costruttrice non esiste più? Ho una Rover 2000 turbo del 1996 che apparteneva a mio padre, e non riesco a capire cosa fare. Stando alla legge citata, nessuno ha il dovere di riprenderla indietro.
avatar
macdilobmwer
21 novembre 2006 18.16
...da trarre significazione"...avrebbe detto Brancaleone. Anche ai politici più integralisti contro l'inquinamento (Pecoraro Scanio, Formigoni etc.), in realtà non interessa cercare di svuotare i centri di città antiche e pieni di traffico, ma solo far vendere Euro 4, Euro 5, Euro 6... La vecchia tassa di circolazione conglobata nella benzina, ridurrebbe traffico e inquinamento (G.Mazzocchi 1978!).
avatar
TARSITANO
22 novembre 2006 10.25
Se la rottamazione è gratuita, e comunque si deve pagare il Pra, gli emolumenti al Pubblico registro automobilistico chi li paga?
avatar
mcfive
22 novembre 2006 13.00
La normativa è interessante, ma sarebbe stato meglio introdurla a dicembre per evitare di pagare il bollo anche per il 2007, invece così, è preferibile pagare per rottamare, piuttosto che aspettare gennaio e dovere pagare comunque il bollo.
Novità su Quattroruote