Sei in: Home > Eco > Eco news > "e_mob" a bassa tensione

Conferenza nazionale mobilità elettrica"e_mob" a bassa tensione

 

Ha preso il via al Castello Sforzesco “e_mob”, la conferenza nazionale della mobilità elettrica. Che fino a sabato 20 vedrà ruotare un programma di incontri dedicato al panorama del trasporto sostenibile made in Italy, con interventi, dibattiti e possibilità di salire a bordo di molti EV sul mercato. Le conferenze e gli incontri si possono seguire in streaming qui.

Le premesse. “Il futuro della mobilità dev’essere green, non solo per poter rispettare gli obiettivi di contenimento delle emissioni con scadenza nel 2025, ma anche per contrastare il livello d’inquinamento e migliorare la qualità della vita”, ha detto in apertura della tre giorni Raffaele Tiscar, capo di gabinetto del ministro dell’Ambiente, limitandosi a condividere le linee guida generali della Carta metropolitana sull’elettromobilità, l’unica novità del giorno. Questo documento supera la “Carta di Arese” del 2016 e raccoglie i criteri principali per lo sviluppo della e-mobility in Italia, tra cui la necessità di potenziare e semplificare le infrastrutture di ricarica per incentivare la diffusione dei mezzi elettrici e ibridi. La nuova Carta è stata sottoscritta da tutti, ma nulla cambia rispetto alla spinta di cui necessita il comparto della mobilità elettrica, a cominciare da qualche tipo di incentivo per l’acquisto dei mezzi, più costosi e difficili da gestire rispetto a quelli tradizionali. Marco Granelli, assessore alla Mobilità del Comune di Milano ha snocciolato una sorta di promemoria sulle intenzioni della giunta meneghina; dal raddoppio del numero delle colonnine di ricarica oggi presenti sulle strade, all’introduzione dei mezzi pubblici di superficie a emissioni zero (oggi si contano sulle dita di una mano), al bisogno “di una regolamentazione più stringente dell’accesso in Area C per i veicoli a benzina”.

Il programma. La giornata di domani sarà incentrata sugli aspetti tecnico-scientifici della mobilità elettrica. In collaborazione con l’Ordine degli ingegneri, ci saranno momenti di aggiornamento per le amministrazioni comunali e regionali e seminari sul recupero e sul riutilizzo delle batterie degli EV, sulle infrastrutture di ricarica, sulle emissioni e sulle smart city. Sabato sarà completamente dedicato agli automobilisti: sia a quelli che hanno già scelto l’e-mobility, sia a quelli intenzionati a farlo. Sarà possibile sfatare dubbi e soddisfare curiosità con gli esperti del settore, ma soprattutto sarà offerta l’occasione di salire a bordo degli ultimi modelli elettrici presenti nei cataloghi delle principali case automobilistiche.

Camilla Golzi Saporiti