Sei in: Home > Eco > Eco news > Taxi elettrici per ridurre l’inquinamento

Città del MessicoTaxi elettrici per ridurre l’inquinamento

 

L’inquinamento a Città del Messico è ai livelli più alti della storia: sulle strade della capitale messicana, infatti, circolano ogni giorno più di 5,4 milioni di veicoli, tra cui 130 mila taxi. Le autorità, dunque, stanno cercando soluzioni per ridurre l'impatto ambientale del traffico. Secondo quanto riporta la Reuters, il miliardario messicano Carlos Slim, tramite la Giant Motors, azienda di cui è azionista, ha intenzione di creare un prototipo di taxi elettrico con l’intento di rinnovare, almeno in parte, il parco di auto pubbliche della megalopoli.

Derivati dai camion. Nei mesi scorsi, la Giant Motors ha lanciato dei camion elettrici capaci di trasportare carichi fino a una tonnellata. Proprio dalle tecnologie sviluppate per questi mezzi commerciali deriverà la meccanica dei nuovi taxi, che dovranno avere una buona autonomia e un sistema rapido per la ricarica delle batterie, per venire incontro alle esigenze dei tassisti messicani, che percorrono le strade della città a caccia di nuovi clienti.

I partner. Nel progetto per i nuovi taxi elettrici saranno coinvolte anche quattro università che lavoreranno insieme alla Moldex, azienda specializzata in veicoli a zero emissioni che ha già collaborato con la Giant Motors per la produzione dei camion elettrici. E, sempre in tema di partnership, nel febbraio scorso la Giant Motors ha annunciato una joint venture con la cinese JAC Motors per la produzione di Suv in uno stabilimento dello Stato messicano di Hidalgo, con un investimento di 210 milioni di dollari.

Redazione online