AciReso noto l'elenco dei modelli d'interesse storico

Aci Reso noto l'elenco dei modelli d'interesse storico
 

Il progetto Aci Storico entra nel vivo, con la pubblicazione dell'elenco ufficiale delle vetture scelte per il nuovo Registro Storico dell'Automobile Club d'Italia. Secondo il presidente Angelo Sticchi Damiani questa lista, creata da un gruppo di esperti, rappresenta la base ideale per testimoniare lo sviluppo automobilistico nel corso degli anni e servirà da base per tutelare a norma di legge veicoli e proprietari. Per questo motivo l'elenco è stato consegnato all'ANIA per uniformare i trattamenti assicurativi e seguire una linea unica di intervento, indipendentemente dall'appartenenza a un club.

Oltre trecento modelli. L'elenco conta, per il momento, 340 modelli con almeno 20 anni di età, ai quali si aggiungono automaticamente tutti quelli con più di 40 anni. Sarà in futuro integrato con i veicoli selezionati con età compresa tra 20 e 40 anni. La lista comprende anche modelli di grande diffusione, per i quali però sono state individuate solo le versioni più ricche dell'epoca, per tipologia di motorizzazione o allestimento, escludendo il molti casi le varianti a gasolio. Per i marchi più prestigiosi o rari sono invece accettati tutti i modelli indistintamente, salvo il compimento dei 20 anni di età.

Redazione online

avatar
christian perathoner
15 novembre 2013
cara quattroruote, queste vetture possono circolare nelle città o rimangono fuori dalle Ztl perchè sono euro 0? sarebbe assurdo che chi porta in giro un pezzo storico deve fermarsi davanti alla città ed entrate con un taxi tipo prius.
risposta >
avatar
vin leo
15 novembre 2013
Purtroppo i provvedimenti restrittivi alla circolazione varati dai comuni o dalle regioni non esentano i veicoli storici, che non possono quindi circolare al pari di vetture più "giovani"
risposta >
avatar
Mattia Marzona
15 novembre 2013
chiarezza: se si vuol far diventare la propria auto (di interesse storico) storica, bisogna iscriverla a registro (ACI). La macchina deve essere perfettamente funzionante, in regola con i collaudi e revisioni e totalmente originale. Una volta diventata auto storica gode di privilegi quali il bollo ridotto e l'assicurazione specifica che NORMALMENTE, come clausola di contratto,
risposta >
avatar
Mattia Marzona
15 novembre 2013
si richiede la guida esclusiva e la circolazione solo durante raduni o eventi motoristici.
risposta >
avatar
Mattia Marzona
15 novembre 2013
esempio:la mia pandina in foto e' una 4x4 del 91.Originale,perfettamente funzionante.Se volessi farla storica dovrei sborsare centinaia di euro solo per "certificarla".Ho trovato una via di mezzo: tramite la mia assicurazione mi sono iscritto ad un club(LA TARTARUGA)che ne ha certificato l'interesse storico.Cosi' ho ottenuto una rca ridotta...ma il bollo, invece,lo pago pieno ,ma posso circolare
Novità su Quattroruote