Michael Schumacher45 anni oggi, tra celebrazioni e indagini sull'incidente

Michael Schumacher 45 anni oggi, tra celebrazioni e indagini sull'incidente Michael Schumacher 45 anni oggi, tra celebrazioni e indagini sull'incidente
 

Si fanno sempre più numerose col passare dei giorni le iniziative di omaggio e supporto per Michael Schumacher, ancora ricoverato in condizioni gravissime dopo l'incidente sugli sci di domenica scorsa. Oggi il campione tedesco compie 45 anni, e per l'occasione i Ferrari Club hanno annunciato un raduno a Grenoble, presso l'ospedale dove il Kaiser è in coma farmacologico. Quella di oggi sarà di una manifestazione "silenziosa e rispettosa del luogo" ma colorata di rosso, come specificato dal Cavallino.

Il ringraziamento della famiglia. La Casa di Maranello omaggia il pilota anche sul suo sito ufficiale: il compleanno di Schumi è celebrato con una galleria fotografica che ne ripercorre tutti i successi ottenuti in Formula 1 con la Scuderia. Il sostegno virtuale (e non) per il tedesco è stato enorme, e la famiglia Schumacher ha rilasciato ieri un messaggio sul suo sito, ringraziando tutti per il supporto. "Sappiamo tutti che è un combattente e che non mollerà", dicono i familiari di Michael.

Forse oggi qualche novità da Grenoble. Nel frattempo, non arrivano aggiornamenti sostanziali sulle sue condizioni di salute: né ieri, né oggi, dopo la quinta notte in ospedale, ci sono stati mutamenti significativi del quadro clinico. Schumi resta in coma farmacologico, in condizioni gravi ma stabili, e la famiglia deciderà nel corso della giornata insieme ai dottori se dare o meno nuove notizie ufficiali ai mezzi d'informazione.

Il quadro dell'incidente e le ipotesi sulla dinamica. Se la salute del pilota resta stazionaria, sono al contrario in costante aggiornamento le notizie relative alle modalità dell'incidente. Secondo una ricostruzione pubblicata ieri dalla tedesca Bild, Schumi si sarebbe avventurato nel famigerato tratto di neve fresca tra le due piste per soccorrere la figlia di un suo amico, caduta a sua volta con gli sci. La portavoce del pilota Sabine Kehm ha aggiunto che l'impatto non sarebbe avvenuto alla velocità elevata (superiore ai 60 km/h) di cui si parlava subito dopo l'incidente.

Tentativo di intrusione nella stanza di Schumi. La stessa Kehm, come riportato da Sky Sports News ha reso di pubblico dominio un episodio grave avvenuto nella giornata di ieri: un giornalista - non identificato, come non è stata identificata la testata d'appartenenza - si sarebbe travestito da prete, tentando di entrare nella stanza d'ospedale di Schumacher. "Non avrei mai nemmeno immaginato che potesse succedere qualcosa del genere", ha affermato la Kehm. Evidentemente, le richieste di riservatezza e rispetto da parte della famiglia e del neurochirurgo Gerard Saillant non sono state ascoltate da tutti.

Fabio Sciarra

avatar
Enrico Maltagliati
3 gennaio 2014 11.43
Davvero non so come definire senza finire nell'insulto, il giornalista (per modo di dire) che si è finto prete... Comunque forza Schumi! E auguri!!
avatar
vin leo
3 gennaio 2014 12.22
Mah, in questi giorni ho letto polemiche e ricostruzioni le più fantasiose, qualcuno ha anche scritto di 100 Km/h (velocità da Super G per i professionisti della coppa del mondo), ognuno dei media cerca di ritagliarsi un pezzetto di visibilità. Penso che l'unica cosa che si può fare ora, è tenere le dita incrociate e sperare per il meglio.....
avatar
Luca Francesco Concioli
3 gennaio 2014 14.21
Forza Schumi! Ti vogliamo tutti vedere festeggiare alla grande il 46 compleanno!
avatar
Luciano Dargenio
3 gennaio 2014 14.49
Auguri Schumi, mi auguro che tu possa vincere il titolo mondiale più bello!
avatar
Missionary Man
3 gennaio 2014 14.57
In merito all'intera vicenda dico solo questo: Sperare che sopravviva ad ogni costo nonostante le gravi conseguenze fisiche (se dovessero essercene) è da ipocriti talebani vaticanisti, se deve vivere come hanno vissuto Christopher Reeve o Ambrogio Fogar allora sarebbe meglio che il signore lo prendesse con se e noi ricordarcelo come lo straordinario pilota al di fuori di ogni paragone qual'è stato
Novità su Quattroruote