• player icon Un Tir effettua inversione in autostrada
    News
    Un Tir effettua inversione in autostrada
  • player icon Paolo Andreucci: evoluzioni in pista Vairano
    News
    Paolo Andreucci: evoluzioni in pista Vairano
  • player icon Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
    News
    Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
  • player icon Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
    News
    Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
  • player icon Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
    News
    Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018

Quattroruote DayOltre tre lustri di vincitrici

 

Scoccava l’inizio del nuovo millennio quando Quattroruote decise di far assegnare ai propri lettori un riconoscimento per la vettura più significativa che avesse debuttato nei dodici mesi precedenti. Una scelta dettata dall’esigenza di designare la vera “regina” del momento, che spiccasse tra le concorrenti indicate al vertice della propria categoria nell’ambito del nostro concorso “La novità dell’anno”. Una beniamina da indicare in una rosa di modelli scelti dalla redazione tra i più importanti e popolari, per evitare che, ad affermarsi, fossero inevitabilmente solo le supercar da sogno.

Dalla Germania con furore. A inaugurare l’albo d’oro del premio “La novità dell’anno” è stata l’Audi TT Roadster, sportiva sì ma accessibile, che nel 2000 sconfisse la concorrenza della Lancia Lybra e della Toyota Yaris. Da allora, a primeggiare sono state quasi esclusivamente auto italiane e tedesche, con rarissime eccezioni. Così, alla TT, hanno fatto seguito l’Alfa Romeo 147, la Fiat Stilo, la Citroën C3 (prima anomalia), la rinnovata Fiat Panda, la BMW Serie 1 (seconda teutonica della serie), la Fiat Punto, l’Audi Q7, la Fiat 500, l’Alfa Romeo MiTo, la BMW X1 e l’Alfa Romeo Giulietta. A irrompere nell’eterna partita tra Italia e Germania è poi stata la Range Rover Evoque, regina dell’edizione 2012; le hanno fatto seguito la Fiat 500 L, la Maserati Ghibli e la Jeep Renegade, che, nonostante il marchio yankee, un po’ italiana comunque lo è.

La rosa. Quest’anno, lo ricordiamo, la scelta andava fatta tra quindici modelli, appartenenti a segmenti diversi (sempre con esclusione di Ferrari & co., troppo condizionanti le preferenze). La lista comprendeva Audi A4, BMW Serie 7, Fiat 500 X, Ford Mondeo, Honda HR-V, Hyundai Tucson, Infiniti Q30, Jaguar XE, Mazda MX-5, Mercedes-Benz GLC, Mini CLubman, Opel Astra, Renault Kadjar, Suzuki Vitara e Volvo XC90. Il premio viene consegnato a un rappresentante della Casa costruttrice della vettura vincitrice nell’ambito del Quattroruote Day.

#QuattroruoteDay