• player icon La funzione Remote View 3D per la nuova BMW Serie 5
    News
    La funzione Remote View 3D per la nuova BMW Serie 5
  • player icon Ford avrà la guida autonoma nel 2021
    News
    Ford avrà la guida autonoma nel 2021
  • player icon Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
    News
    Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
  • player icon Il sound dell'Aston Martin DB11
    News
    Il sound dell'Aston Martin DB11
  • player icon Una SEAT Ateca di sabbia
    News
    Una SEAT Ateca di sabbia

Quattroruote DayI protagonisti del convegno

 

PreVisioni: è il titolo del convegno previsto nell’ambito del Quattroruote Day del 2016, nel quale si discuteranno le idee per il futuro della mobilità, in un momento nel quale ci si interroga a fondo sull’automobile e sul suo destino. Quattroruote ha chiesto di analizzare il tema a quattro personalità di rilievo internazionale e di estrazione culturale, oltre che di esperienza professionale, radicalmente diverse. Ecco i loro profili.

Stefano Boeri, architetto, è professore di Urban Design al Politecnico di Milano ed è stato visiting professor in numerose altre Università (Strelka Institute, Harvard GSD, Berlage Institute e molte altre). Già direttore della rivista Domus della nostra Casa editrice, ha rivestito anche il ruolo di assessore alla Cultura, design e moda del Comune di Milano tra l’aprile del 2011 e il marzo 2013. Ha fondato il network internazionale di ricerca “multiplicity” dedicato allo studio delle trasformazioni urbane contemporanee ed è autore di molte pubblicazioni (tra le quali “L’Anticittà”, “Biomilano” e “Mutations”). Ha fatto parte del board di architetti incaricati di sviluppare le linee guida delle trasformazioni urbane nell’ambito dell’Expo di Milano del 2015. Lo studio Stefano Boeri Architetti (con Michele Brunello) ha curato innumerevoli progetti, dall’area di Skolkovo a Mosca al recupero dell’ex Arsenale della Maddalena, dalla nuova sede del “Corriere della Sera” al celebre e pluripremiato grattacielo milanese denominato “Bosco verticale”.

Walter de Silva è uno dei designer automobilistici più conosciuti al mondo: vincitore del prestigioso premio Compasso d’oro per la sua carriera, ha disegnato cinque modelli che hanno ottenuto il riconoscimento di Auto dell’anno. Ha iniziato la sua attività nel 1972 al Centro stile della Fiat a Torino, per poi unirsi allo Studio Bonetto di Milano e all’I.de.a. Institute. Diventato responsabile del design center dell’Alfa Romeo nel 1986, ha firmato alcuni dei modelli più riusciti della Casa del Biscione come la 156 e la 147. Nel 1999 diventa responsabile del design della Seat, per la quale detta nuovi canonici stilistici sintetizzati nella concept Salsa del 2000; assume poi la responsabilità dello stile del gruppo Audi, che comprende anche la Seat e la Lamborghini, per la quale crea il motivo della calandra single frame che richiama le storiche Auto Union. Dal 2007 al 2015 è a capo del design di tutti i brand del gruppo Volkswagen. 

Francesco Morace, sociologo e saggista, da oltre trent’anni lavora nell’ambito delle ricerche sociali e di mercato; consulente strategico di aziende internazionali, dal 1981 tiene conferenze, corsi e seminari in venti diversi Paesi. È docente di Social innovation al Politecnico di Milano e di Culture & lifestyle alla Facoltà di sociologia dell’Università di Trento; è autore di venti saggi, tra i quali il recente “Italian factor: come moltiplicare il valore di un Paese”. Oggi è presidente di Future Concept Lab, società nata nel 1995 dall’eredità del Milano Trends Lab (da lui fondato nel 1989 con i sociologi Linda Gobbi, Roberto Brognara e Fabrizio Valente come centro per l’innovazione di sociologia per il marketing). Negli anni ’90 ha sviluppato un network di corrispondenti nelle capitali della creatività e dell’innovazione come Londra, New York, Parigi e Tokyo. Nel 2010 è nato invece FCL do Brasil, prime sede estera di ricerca e consulenza per le maggiori aziende locali; del 2015 è, invece, la prima edizione del Festival della crescita, organizzato sull’onda del libro di Morace “Crescita felice”. Oggi il Future Concept Lab conta su decine di aziende clienti in tutto il mondo, dall’Italia agli Stati Uniti, dalla Colombia alla Thailandia, dalla Corea al Giappone.

Lukas Neckermann, laureato in Scienze e tecnologie alla Cornell University e titolare di una master in Business administration, è managing director della Neckermann Strategic Advisors, società di consulenza con sede a Londra specializzata nell’analisi dei trend della mobilità e del loro impatti. Ha iniziato la sua carriera in una piccola radio commerciale di Ithaca (Stato di New York) per poi lavorare dal 1996 al 2000 nella direzione marketing della BMW, sviluppando la presenza web della Casa e lavorando sul posizionamento della sportiva Z8 e dei diversi marchi appartenenti all’epoca al gruppo di Monaco (Mini, Rover, Land Rover, MG). Nel 2002 passa al gruppo assicurativo Allianz nel ruolo dell’executive assistant del ceo dell’azienda, per poi diventare membro del board della EulerHermes, società assicurativa leader nel Regno Unito e in Irlanda. Neckermann è oggi conosciuto soprattutto per il suo libro “The mobility revolution”, nel quale tratteggia gli stravolgimenti che interessano la mobilità e che sintetizza nella formula dei Tre zero: zero emissioni, zero incidenti e zero proprietà. Una rivoluzione destinata a superare i confini dell’industria automobilistica e a coinvolgere aspetti come la struttura urbana, le costruzioni e la logistica, fino alle più piccole realtà di quartiere.  

#QuattroruoteDay