• player icon Evantra Millecavalli: al Parco Valentino l'Hypercar italiana
    News
    Evantra Millecavalli: al Parco Valentino l'Hypercar italiana
  • player icon Hyundai: alla 24 Ore del Ring la i30 2.0 Turbo
    News
    Hyundai: alla 24 Ore del Ring la i30 2.0 Turbo
  • player icon Volvo: presentate le nuove concept della Serie 40
    News
    Volvo: presentate le nuove concept della Serie 40
  • player icon Aston Martin: una Vanquish con gli scarti dei rivestimenti interni
    News
    Aston Martin: una Vanquish con gli scarti dei rivestimenti interni
  • player icon Sergio Marchionne a ruota libera alla presentazione della Giulia
    News
    Sergio Marchionne a ruota libera alla presentazione della Giulia

#Quattroruote60
Vi aspettiamo a partire dalle 17:00 - VIDEO

 

Il Quattroruote Day si apre, in occasione dei sessant’anni della rivista, con un appuntamento esclusivo destinato al pubblico, che potrà accedere all’UniCredit Pavillion di piazza Gae Aulenti a Milano dalle 17 alle 23 di oggi 4 febbraio. Ad attendere i visitatori ci saranno parecchie sorprese, alcune delle quali anticipiamo qui. Ma molte altre sono in arrivo…

Google Trekker. Si potranno scoprire i segreti dello zaino speciale che consente di mappare anche le strade non accessibili alle auto per raccogliere le immagini di Street View. Mediante appositi totem si potrà apprendere come vengono realizzate le mappe stradali digitalizzate a 360°. A disposizione ci saranno anche degli Oculus, strumenti che consentono la visione di immagini a 360° direttamente sul proprio smartphone.

Il video contest. In un’apposita sala si potrà assistere alla proiezione dei cortometraggi realizzati sul tema “Un giorno in automobile”, con soggetti e sceneggiature originali, da quattro prestigiose scuole di cinematografia, l’Almed, lo Ied (di Milano), lo Iulm e la Naba.

Lo Ied. L’Istituto europeo di design di Torino attiverà invece dei laboratori live in cui gli allievi realizzeranno in diretta, su dispositivi digitali, disegni di concept car. Sarà possibile scoprire come nascono i bozzetti dei prototipi e vedere in anteprima assoluta quattro clay models che costituiscono la base di partenza dell’auto inedita che Quattroruote esporrà nel proprio stand al Salone di Ginevra 2016.

Le copertine. Presso un apposito desk sarà possibile farsi stampare gratuitamente la copertina del numero di Quattroruote al quale si è, per ragioni personali, più affezionati. Al piano superiore della sala, invece, sarà esposto un centinaio di copertine della rivista, scelte tra quelle più significative delle sei decadi della storia di Quattroruote.

Il music wall digitale. Un video emozionante racconterà come la musica e l’auto si sono confrontate nel corso del tempo, passando anche attraverso le copertine degli album più famosi.

100x100 Tobeus. Le automobiline Tobeus sono realizzate partendo da un blocco di legno di cedro del Libano, profumato e di un colore caldo, e costituiscono una forma di consumo consapevole: invecchiano, possono essere buttate senza inquinare, possono essere riutilizzate, al limite persino bruciate per scaldarsi, e vengono prodotte in Italia da persone equamente remunerate. Fanno parte di una mostra (100x100 ToBeUs) che valorizza l’uso consapevole degli oggetti attraverso 100 macchinine disegnate da altrettanti designer di fama internazionale. Le prime cinque sono state disegnate nel 2008 dagli stilisti Odoardo Fioravanti, Giulio Iacchetti e Matteo Ragni. Partendo dal medesimo blocco di materia prima, hanno poi dato forma a modelli diversi designer famosi come Alessandro Mendini, Mario Bellini, Italo Lupi, Andrea Branzi. Per i propri sessant’anni, Quattroruote ha affidato l’incarico di progettarne una a un giovane designer thailandese che ha partecipato agli incontri coi maestri dello stile “Meet the master” organizzati da Quattroruote Academy: uno stimolo per le nuove generazioni di progettisti di auto e, al tempo stesso, un simbolo dell’esteso network internazionale di pubblicazioni che fa riferimento alla nostra rivista.

#Quattroruote60