Sei in: Home > News > Eventi > Gli obiettivi del 2016: 500 mila visitatori e 60% del mercato

Motor ShowGli obiettivi del 2016: 500 mila visitatori e 60% del mercato

 

Il Motor Show accelera verso una 40esima edizione molto ambiziosa: dopo la rinuncia dell'anno scorso, BolognaFiere sta cercando di costruire un evento "da 500 mila visitatori" in grado di rappresentare "almeno il 60% del mercato". Gli obiettivi del management sono stati illustrati oggi a Milano nel corso di #ForumAutoMotive, serbatoio di idee sulla mobilità a motore promosso dal movimento d'opinione di Pierluigi Bonora: un appuntamento dove i saloni dell'auto e la comunicazione del settore sono stati i temi centrali, commentati anche dal nostro Direttore delle relazioni esterne Carlo Cavicchi.

Nuovo corso. Il Motor Show 2016 sarà la prima edizione organizzata da BolognaFiere dopo l'addio della francese GL Events. L'ulteriore conferma arriva dal direttore generale Antonio Bruzzone: "Il Motor Show 4.0 si terrà il secondo week end di dicembre e durerà dieci giorni, come da tradizione - ha spiegato il manager, sottolineando come l'Italia abbia bisogno di "un appuntamento centrale per l'automotive". Il nuovo corso prevede un'impostazione non convenzionale, in cui la passione, i test drive, i brand day si mescolano alle nuove tecnologie. "Vogliamo scostarci dai saloni classici - ha aggiunto il project manager Rino Drogo - Il Motor Show 2016 sarà un contenitore di auto, divertimento, persone, rumore, spettacolo, sport, convegni e cultura". L'organizzazione vuole coinvolgere "500 mila persone", un obiettivo che Drogo ha ulteriormente approfondito con Quattroruote: "Stiamo lavorando con le Case automobilistiche e gli incontri sono in corso. Puntiamo a ospitare almeno il 60% del mercato". La presentazione ufficiale dovrebbe tenersi entro la fine di aprile.

Tradizione e innovazione. Il nuovo Motor Show va a braccetto con il tema principale del forum, il futuro del salone dell'auto: tra i relatori, infatti, c'erano anche gli organizzatori di Milano AutoClassica (al debutto venerdì 18 marzo), Automotoretrò, Auto e Moto d'Epoca e del Salone dell'Auto Parco Valentino. La riflessione, tuttavia, è andata oltre i confini nazionali, dove gli eventi high-tech come il CES di Las Vegas e il Mobile World Congress di Barcellona stanno diventando sempre più popolari: "Barcellona e Las Vegas stanno costringendo gli organizzatori di Ginevra, Parigi e Francoforte a dedicare ampi spazi alle tecnologie e alla connettività - osserva Bonora - Qualche Costruttore ha già disertato alcune rassegne tradizionali, a beneficio di quelle dove il pubblico ha la possibilità di sperimentare sul posto simulatori di guida autonoma". Il Motor Show 4.0 dovrà fare i conti anche con questo. D.C.