Sei in: Home > News > Eventi > La Polstrada compie 70 anni

Polizia stradaleLa Polstrada compie 70 anni

 

La polizia stradale ha 70 anni. I Servizi di polizia stradale furono “costituiti” con il decreto legislativo del capo provvisorio dello stato il 26 novembre 1947. Il provvedimento fu pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 12 gennaio 1948, qualche giorno dopo l’entrata in vigore della Costituzione repubblicana. Ed è stato proprio questo parallelo tra la Carta costituzionale e il servizio di polizia stradale il filo conduttore del convegno di lancio del 70° anniversario della Polstrada, tenuto il 20 aprile nel Palazzo Reale di Milano alla presenza del capo della polizia di Stato Franco Gabrielli e del direttore del servizio polizia stradale Giuseppe Bisogno.  

Il decreto del 1947. “La prevenzione e l’accertamento dei reati lungo le pubbliche strade, l’osservanza della disciplina della circolazione e il controllo sui mezzi circolanti, le segnalazioni relative alla sicurezza della viabilità, le operazioni per i soccorsi automobilistici e la vigilanza per la conservazione del demanio stradale costituiscono servizi di polizia stradale”, recitava l’articolo 1 del dlgs 1510/47. Che, all’articolo 2, prevedeva 104 ufficiali e 2.696 tra sottufficiali e agenti. Da allora la stradale ne ha fatta di strada: 17 compartimenti coordinano l’attività di 103 sezioni (e 250 sottosezioni) e dei 15 Centri operativi autostradali (Coa). A questi si aggiungono la Scuola di Cesena e la Scuola Superiore di Roma.

2017-Polizia-70-1

Dalla Matta alla Giulia Veloce. La giornata si è aperta con la fanfara della polizia di Stato in piazza del Duomo, davanti all’ingresso del Palazzo Reale, dove erano state esposte alcune delle auto in divisa che hanno caratterizzato, con la loro presenza sulle strade di tutta Italia queste sette decadi, dall’Alfa Romeo Matta all’Alfa Romeo Giulia Veloce Q4, attraverso modelli memorabili come le Giulietta, Giulia e Alfetta fino all’iconica Lamborghini Huracán, utilizzata prevalentemente per il trasporto di organi. Importante la presenza delle due ruote perché, come ha sottolineato il prefetto Carlo Mosca evocando i servizi di scorta in occasione di manifestazioni istituzionali e sportive, “la stradale è in moto”.

La smilitarizzazione del 1981. Al centro della giornata un docufilm del regista Stefano Ribaldi, con la voce narrante di Ricky Tognazzi, che ha ripercorso la storia d’Italia dal 1947 a oggi sullo sfondo dell’evoluzione e dell’attività della specialità. Che, come ha ricordato il prefetto Mosca, ha registrato, in sette decadi, 369 caduti e circa 30 mila feriti in servizio. E che, come ha evidenziato il capo della specialità, Giuseppe Bisogno, si divide in due grandi periodi, di pari durata: il primo che va dalla fondazione al 1981 e il secondo che parte con la grande riforma che smilitarizzò il corpo delle guardie di pubblica sicurezza e istituì formalmente la polizia di Stato.

Il prossimo a appuntamento di questo anno di celebrazioni sarà il 6 luglio a Roma, alla Scuola superiore di polizia, con un convegno sull’omicidio stradale e della guida sotto gli effetti di alcol e droga. M.R.