Sei in: Home > News > Eventi > Ferrari 312B: la nuova clip in anteprima - VIDEO

Al cinema a ottobreFerrari 312B: la nuova clip in anteprima - VIDEO

 

Il suono di uno storico V12, il tre litri a cilindri contrapposti Ferrari 001: è quanto svelato dalla nuova clip di Ferrari 312B, il docufilm che celebra la storia della leggendaria monoposto del Cavallino, nata nel 1970 dall’intuizione di Mauro Forghieri, all’epoca ingegnere e capo progettista in quel di Maranello. Diretto dal regista Andrea Marini, raccoglie le testimonianze di giganti dell’automobilismo come Niki Lauda e Jackie Ickx, ma anche Jackie Stewart e Damon Hill, e sarà proiettato in anteprima mondiale in Italia nei giorni 9, 10 e 11 ottobre - in alcuni cinema anche in 4K - per poi essere distribuito in 50 Paesi.

Il cuore della 312B. Definito impropriamente “boxer” (da qui la “B” nel nome della vettura), il 12 cilindri della monoposto, leggero e con un baricentro particolarmente basso, era capace di erogare 450 cavalli a 11.600 giri al minuto. Con quello che è stato il primo motore “piatto” della storia delle corse (venne concepito per poter stare anche nell’ala di un aereo), i risultati arrivarono fin da subito: il Cavallino sfiorò il Mondiale Costruttori vincendo quattro GP - tre con Jacky Ickx (Austria, Canada e Messico), secondo al Mondiale Piloti, e uno con Clay Regazzoni (Italia), giunto terzo - aprendo così per la scuderia emiliana un favoloso decennio (1970-1980), costellato da 37 vittorie nei Gran Premi, quattro Mondiali Costruttori e tre titoli Piloti.

Il ritorno. Quarantasei anni dopo il debutto, la Ferrari 312B è tornata a Montecarlo in occasione del Grand Prix de Monaco Historique 2016 per volontà di Paolo Barilla. Per la preparazione della vettura, l’ex pilota di Formula 1 si è affidato direttamente a Mauro Forghieri e a un team di esperti meccanici. Come intuibile dalla clip che vi mostriamo in anteprima, i collaudi della monoposto restaurata sono avvenuti nel Bresciano, sul circuito di Franciaforta, dove ha registrato un tempo sul giro di 1’17”. E le fasi di restauro, in parte mostrate nel trailer, sono raccontate nel documentario.