• player icon Pirelli: le nuove regole per la stagione di F.1
    Sport
    Pirelli: le nuove regole per la stagione di F.1
  • player icon Formula 1 2016: ecco la Renault RS16
    Sport
    Formula 1 2016: ecco la Renault RS16
  • player icon Porsche GT Cup Brasile: incidente per Pedro Piquet
    Sport
    Porsche GT Cup Brasile: incidente per Pedro Piquet
  • player icon GP Monza F1 2015: come cambia la Ferrari SF15-T
    Sport
    GP Monza F1 2015: come cambia la Ferrari SF15-T
  • player icon Volkswagen Polo WRC: primi test sulla vettura per il 2017
    Sport
    Volkswagen Polo WRC: primi test sulla vettura per il 2017

Pirelli MotorsportEcco come si evolvono gli pneumatici per la F.1

 

La Pirelli ha ospitato a Milano i vertici della Formula 1 per un importante meeting legato allo sviluppo degli pneumatici. Il Ceo, Marco Tronchetti Provera, ha fatto gli onori di casa accogliendo nella Villa degli Arcimboldi Bernie Ecclestone, Jean Todt, Ron Dennis, Toto Wolff e Sergio Marchionne. Presenti all'evento anche alcuni piloti, tra cui Vettel, Raikkonen, Kvyat, Bottas, Rosberg e Massa.

Questione sicurezza. Uno degli argomenti più importanti del meeting è stata la sicurezza. Da tempo il fornitore unico di pneumatici chiede test liberi per lo sviluppo delle coperture e, questa volta, si è raggiunto un accordo unanime sull'argomento. Cadrà quindi il veto sui test relativi alle gomme 2017 che, stando alle indiscrezioni circolate, saranno più grandi e dovranno sopportare carichi ben più alti rispetto agli attuali. Così come anticipato dalla GPDA (Grand Prix Drivers Association) nei giorni scorsi, i piloti pretendono che oltre a essere più sicure, le nuove gomme dovranno essere anche più prestazionali e durature, togliendo al pilota il peso di doversi limitare in certi frangenti della gara.

Nuova struttura. Pirelli ha evoluto ancora la struttura delle gomme che saranno utilizzati nel corso della stagione 2016. Dopo quanto successo a Vettel nel corso del Gran Premio del Belgio, con l'esplosione dello pneumatico usurato, i tecnici della Casa milanese hanno studiato un modo per evitare simili inconvenienti. Tecnicamente è stato possibile grazie a una riduzione di alcuni millemetri della fascia del battistrada, introducendo tra questo strato e la carcassa un altro sottile strato di gomma dalla mescola molto dura. Quando i piloti consumeranno molto le gomme, a un certo punto avvertiranno un evidente calo di prestazioni che fungerà da "allarme": durante questa fase, il cambio di ritmo sarà molto evidente e i piloti avranno la chiara sensazione di dover sostituire immediatamente le gomme. Una scelta che, oltre ad aumentare la sicurezza, dovrebbe anche allargare la forbice delle strategie in pista e, si spera, rendere lo spettacolo ancora più allettante per il pubblico. D.R.