Sei in: Home > Sport > Formula 1 > Hamilton domina a Silverstone

GP Gran BretagnaHamilton domina a Silverstone

 

Lewis Hamilton ha dominato il Gran Premio di Gran Bretagna. Il pilota inglese della Mercedes, partito dalla pole position, non ha praticamente avuto rivali sul circuito di Silverstone. La Mercedes, oggi, è tornata a essere imbattibile e Lewis si è esaltato in quello che - di fatto - è la sua gara di casa. Valtteri Bottas ha completato una clamorosa doppietta per le Frecce d'Argento: il finlandese ha agguantato la seconda posizione ad appena due giri dalla fine, approfittando dei problemi avuti dalla Ferrari di Raikkonen a due giri dal termine.

Ferrari, débâcle clamorosa. La Scuderia di Maranello non è riuscita a contenere gli avversari in questo gran Premio inglese, tanto che la superiorità delle Frecce d’Argento ha quasi ricordato quella dello scorso anno. La sfortuna ci ha messo del suo, però, mettendo in ginocchio la squadra italiana con due forature – entrambe alla ruota anteriore sinistra – prima sulla vettura di Raikkonen e un giro dopo su quella di Vettel. Il tedesco ha avuto la peggio, scivolando in settima posizione, mentre il finlandese ha perso la posizione solo su Bottas.

Red Bull protagonista. Non troviamo nessuna delle due RB13 sul podio, ma sia Verstappen che Ricciardo hanno condotto una buona gara. Il giovane Max ha mostrato i muscoli contro Sebastian Vettel, confermandosi un pilota dalle spalle larghe e nessun timore reverenziale. Sul finale di gara, alla stregua delle due Ferrari, Verstappen ha accusato una foratura all'anteriore sinistra della sua Red Bull ed è stato costretto a rientrare ai box per un cambio gomme finale, che comunque gli ha consentito di tagliare la bandiera a scacchi al quarto posto. Ricciardo, invece, partito dalla penultima posizione, ha fatto una gara matura, regalando ai suoi tifosi anche dei bei sorpassi che lo hanno portato in quinta posizione finale.

Le parole del vincitore. “Sono fortunato, il team ha fatto un lavoro eccezionale e mi hanno dato una vettura grandiosa”, ha commentato Lewis Hamilton in conferenza stampa. “Sono davvero fiero di tutti. Anche Valtteri ha fatto un lavoro eccezionale con la sua rimonta. Per noi il weekend è andato bene. Fin dalla partenza sono stato al comando e poi ho gestito il vantaggio che avevo su Kimi. Ho allungato lo stint iniziale e poi ho gestito semplicemente il mio vantaggio. Ho visto che sul finale le Ferrari hanno avuto problemi con le gomme: anche io avevo del graining e delle vibrazioni, ma ho gestito la gomma perché non volevo avere guai. In definitiva, per noi è stato un fine settimana da incorniciare”.

Gran recupero per Bottas. Il finlandese ha messo la ciliegina sulla torta per il team Mercedes, agguantando la seconda posizione finale in questo Gran Premio non proprio scontato. “Per noi è stato un weekend perfetto, viste le circostanze che si sono presentate. La macchina è stata fantastica e la strategia elaborata dal team praticamente perfetta, io ho solo fatto il resto. Abbiamo deciso di allungare il primo stint di gara e poi ho montato le supersoft. Realisticamente, Raikkonen era lontano, ma poi ha avuto quel problema sul finale e ho potuto superarlo. Un po’ di sfortuna per lui, un po’ di fortuna per noi”.

Giallo gomme per la Ferrari. "Perché ho avuto quel problema alla gomma? Non lo so. Sembrava andare tutto bene e non ho colpito nulla", ha ammesso Kimi Raikkonen in conferenza stampa, parlando del problema alla gomma anteriore sinistra arrivato sul finale. "Per fortuna sono riuscito a entrare abbastanza velocemente e ho mantenuto il podio, ma non avrei voluto che la stessa cosa accadesse a Sebastian", ha aggiunto. Riguardo alla gara, il finlandese ha affermato: "Oggi non avevamo sufficiente velocità per competere contro Lewis. Probabilmente su questo tracciato non siamo stati abbastanza competitivi, vedremo come andrà in Ungheria tra due settimane".


GP di Gran Bretagna - I risultati della gara

1. Hamilton - Mercedes
2. Bottas - Mercedes
3. Raikkonen - Ferrari
4. Verstappen - Red Bull
5. Ricciardo - Red Bull
6. Hulkenberg - Renault
7. Vettel - Ferrari
8. Ocon - Force India
9. Pérez - Force India
10. Massa - Wlliams
11. Vandoorne - McLaren
12. Magnussen - Haas
13. Grosjean - Haas
14. Ericsson - Sauber
15. Kvyat - Toro Rosso
16. Stroll - Williams
17. Wehrlein - Sauber

Ritirati: Alonso (McLaren), Sainz (Toro Rosso), Palmer (Renault)