• player icon Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
    News
    Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
  • player icon Skoda Kodiaq: in anteprima alla guida della Suv ceca
    Première
    Skoda Kodiaq: in anteprima alla guida della Suv ceca
  • player icon Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
    News
    Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
  • player icon Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
    News
    Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018

Mini CountrymanTrazione integrale per la seconda generazione

 

Torniamo a parlare della nuova Mini Countryman con le più recenti foto spia della seconda serie, che sarà svelata nel corso del 2016. Dalle immagini è possibile raccogliere qualche indizio in più sul design della vettura, che s'inserirà nella rinnovata gamma Mini accanto all'inedita cinque porte e alla nuova Clubman. Considerando che station ora è lunga 4,25 metri, è lecito attendersi che la Countryman vada ben oltre i 4 metri 11 dell'attuale generazione.

Il design è già definitivo. Le nuove foto spia rivelano dettagli importanti del frontale, dove gruppi ottici, mascherina e paraurti sembrano ormai definitivi. Lo stesso si può dire del posteriore anche se ancora abbondano le pellicole colorate. La fiancata ricorda molto la Countryman attuale per l'andamento del cristallo posteriore e in generale delle proporzioni, una scelta quasi obbligata visto il successo di questo modello sul mercato. 

Torna la trazione integrale. Gli interni e la meccanica non dovrebbero riservare particolari sorprese. In ambedue i casi gli elementi saranno con ogni probabilità gli stessi delle altre Mini di terza generazione ma spetterà alla Countryman il compito di portare al debutto la trazione integrale sulla piattaforma modulare ukl, la stessa della nuova BMW X1. Questa soluzione sarà particolarmente interessante considerando che la nuova Mini dovrebbe offrire maggiore altezza da terra rispetto al modello precedente e, quindi, una maggiore mobilità anche nella guida in fuoristrada.

Redazione online