Sei in: Home > Auto > Foto spia > Prove di crash per la nuova super Suv

Rolls-Royce CullinanProve di crash per la nuova super Suv

 

Anche un crash test può essere utile per delle foto spia: lo dimostrano questi inediti scatti della Rolls-Royce Project Cullinan, la prima Suv del marchio inglese che vedremo sul mercato tra il 2018 e il 2019. Un esemplare destinato alle prove d'impatto, come testimonia la striscia adesiva sulla fiancata, è stato infatti fotografato per un attimo, svelando nuovi dettagli relativi al design.

Il frontale definitivo. Quello che possiamo vedere è il frontale della Suv, probabilmente già nella sua versione definitiva: a confermarlo sono le analogie con le foto ufficiali dei muletti e alcuni particolari come la forma e la dimensione delle prese d'aria inferiori. La classica mascherina Rolls-Royce rimane al suo posto, così come i gruppi ottici di taglio orizzontale ai lati, che si trovano però in posizione più bassa rispetto al cofano: di fatto, si crea uno scalino con la sezione centrale che richiama allo stile più classico delle Rolls storiche, separando i passaruota dall'elemento centrale in maniera più netta rispetto alle berline di oggi. Nell'immagine della fiancata si nota l'assenza delle maniglie, motivo in più per credere che la soluzione con apertura ad armadio sia quella più accreditata per la Suv. L'assetto non sembra particolarmente rialzato da terra, mentre il design del volume posteriore è impossibile da analizzare, a causa del telo presente nelle immagini.  

La prima volta della nuova piattaforma in alluminio. La Cullinan ricopre un ruolo fondamentale nell'evoluzione del marchio Rolls-Royce: oltre a portare al debutto la formula della Suv di lusso, seguendo l'avversaria Bentley e la sua Bentayga, la vettura sarà anche la prima ad adottare la nuova piattaforma modulare di alluminio che servirà da base per tutte le future Rolls di nuova generazione, capace di integrare anche la trazione integrale e sospensioni ulteriormente affinate per offrire ancora più confort. Sul fronte dei propulsori non dovrebbero invece arrivare soluzioni ibride plug-in, visto che nelle intenzioni della Casa il destino è quello di passare dall'endotermico all'elettrico puro quando la tecnologia sarà evoluta a sufficienza per offrire ai clienti una soluzione concreta e adatta all'utilizzo su questa tipologia di vetture.