• player icon Ford avrà la guida autonoma nel 2021
    News
    Ford avrà la guida autonoma nel 2021
  • player icon Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
    News
    Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
  • player icon Il sound dell'Aston Martin DB11
    News
    Il sound dell'Aston Martin DB11
  • player icon Una SEAT Ateca di sabbia
    News
    Una SEAT Ateca di sabbia
  • player icon Lamborghini Centenario: in pista a Nardò con la supercar da 770 CV
    News
    Lamborghini Centenario: in pista a Nardò con la supercar da 770 CV

Dieselgate VolkswagenUsa, la metà dei clienti accetta i mille dollari di risarcimento

 

Sono oltre 260 mila i clienti Volkswagen che hanno aderito al Goodwill Package, il programma di risarcimento di mille dollari studiato dalla divisione amerciana del Gruppo per dare un primo segnale sul dieselgate: il dato è stato comunicato a Detroit dal Ceo Michael Horn. Il top manager ha inoltre confermato che Wolfsburg intende estendere degli sconti ai motori V6 da 3.0 litri montati sulle Touareg my 2009-2016.

Gli sconti. Lanciata il 9 novembre, l'iniziativa risarcitoria è stata sviluppata dal Gruppo per andare incontro ai 482 mila possessori di 2.0 TDI, in attesa del via libera sui richiami: il progetto prevede una prepagata da 500 dollari da spendere nei circuiti Visa, altri 500 da utilizzare presso i concessionari e l'assistenza stradale gratuita per tre anni. L'adesione, volontaria, non ha effetti legali sulle eventuali istanze della clientela, secondo Horn pervenute in numero "minimo". Stando a un report della Reuters, a oggi più della metà dei possessori delle Volkswagen incriminate ha dunque accettato la proposta: le pratiche già saldate sono circa 130 mila.

La Suv e le altre. Negli Usa, i propulsori V6 da 3.0 litri sotto inchiesta sono montati su circa 80 mila vetture: oltre alla Touareg my 2009-2016, ci sono le Porsche Cayenne 2013-2016, le Audi my 2014-2016 (A6 e A7 Quattro, A8 e A8L, Q5) e le Audi Q7 my 2009-2016. Al momento, l'estensione del Goodwill Package è stata confermata solo per la Suv Volkswagen, ma domenica un portavoce di Ingolstadt ha spiegato che la Casa è al lavoro su un progetto simile per le proprie vetture.

La missione di Müller. Domani, il Ceo del Gruppo Matthias Müller incontrerà la responsabile dell'Epa Gina McCarthy: oggetto, la discussione sui correttivi da applicare alle auto non a norma, finora bocciati dall'ente. La discussione potrebbe riguardare anche la richiesta di riacquisto di alcuni dei veicoli più vecchi, un'ipotesi che il top manager non ha escluso ai microfoni della CNBC: "In teoria è possibile - ha spiegato Müller - In alcuni casi sistemare le auto sarà molto semplice, in altri molto costoso: nell'evenienza, dovremo negoziare e decidere se sarà meglio riportare alcune vetture in Volkswagen". D.C.