• player icon Ford avrà la guida autonoma nel 2021
    News
    Ford avrà la guida autonoma nel 2021
  • player icon Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
    News
    Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
  • player icon Il sound dell'Aston Martin DB11
    News
    Il sound dell'Aston Martin DB11
  • player icon Una SEAT Ateca di sabbia
    News
    Una SEAT Ateca di sabbia
  • player icon Lamborghini Centenario: in pista a Nardò con la supercar da 770 CV
    News
    Lamborghini Centenario: in pista a Nardò con la supercar da 770 CV

Dieselgate VolkswagenPorsche, i correttivi proposti all'Epa per i V6 della Cayenne

 

Sostituzione del catalizzatore e aggiornamento del software: sono le soluzioni che la Porsche ha sottoposto all'Epa per riportare entro gli standard i propulsori V6 da 3.0 litri, montati su 13 mila Cayenne vendute negli Stati Uniti. A descrivere gli interventi è stato lo stesso Ceo Oliver Blume.

I veicoli coinvolti. Le parole di Blume, riferite ieri al Salone di Detroit, vengono riportate nel giorno del delicatissimo incontro tra il Ceo del Gruppo Volkswagen, Matthias Müller, con la responsabile dell'Epa Gina McCarthy: all'indomani della bocciatura del Carb californiano, i due devono discutere le soluzioni per i 2.0 TDI delle 482 mila vetture sotto inchiesta. Per gli 85 mila V6 (montati sulla Cayenne, diversi modelli Audi e sulla Touareg) c'è ancora tempo fino ai primi giorni di febbraio, ma a quanto pare la Casa di Zuffenhausen ha deciso di attivarsi prima.

I richiami proposti. Nel report della Reuters, Blume spiega che le correzioni sono state sottoposte a dicembre. Due le strade percorribili: per le Cayenne my 2013 e 2014, circa la metà di quelle incriminate, sono previsti "sia l'aggiornamento del software che la sostituzione del catalizzatore". Per le my 2015 e 2016, dovrebbe bastare la modifica a livello digitale. Come sempre, l'ultima parola spetterà all'Epa e al Carb: "Abbiamo avuto una discussione molto positiva, tutti gli aspetti tecnici sono stati sottoposti e aspettiamo di vedere se ci saranno richieste di correzioni – ha detto il manager della Porsche – Abbiamo fatto tutto il possibile per questo motore, ora attendiamo i feedback".

Il piano preparato dall'Audi. Secondo il Ceo della Porsche, i correttivi sono stati studiati dai tecnici dell'Audi ed è quindi possibile - ma non certo - che simili interventi vengano proposti anche da Ingolstadt. Nello specifico, le vetture dei quattro anelli sotto indagine sono le A6 e A7 Quattro, A8 e A8L, Q5 my 2014-2016 e le Q7 my 2009-2016. D.C.