• player icon Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
    News
    Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
  • player icon Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
    News
    Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
  • player icon Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
    News
    Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
  • player icon Con Andreucci al volante della Peugeot 208 T16
    News
    Con Andreucci al volante della Peugeot 208 T16
  • player icon Pokémon Go, giovane americano centra un'auto della polizia mentre gioca al volante
    News
    Pokémon Go, giovane americano centra un'auto della polizia mentre gioca al volante

RenaultA picco in Borsa su ipotesi nuovo dieselgate

 

Non c'è pace oggi per il comparto automotive sulle piazza azionarie. Dopo la debacle del titoli Fiat (di nuovo sospeso a -9,29% teorico e rientrato in contrattazione a -8,88%), è toccato alle azioni Renault lasciare sul terreno il 18% in circa un'ora per arrivare poi a perdere il 20,25%, a 69 euro, dopo aver toccato un minimo di 67,570 euro. Alla base del tonfo ci sono le indiscrezioni, riportate dai sindacati e rilanciate dalla stampa, di perquisizioni della polizia antifrode francese in alcuni siti produttivi della Casa, con il sequesto, secondo altri rumors, di alcuni computer. Il tutto sarebbe legato, sempre secondo indiscrezioni non confermate, a possibili frodi sulle emissioni. Nelle scorse settimane test effettuati da una organizzazione ecologista tedesca, la Duh, avevano messo in dubbio la regolarità dei valori di emissione del turbodiesel 1.6 che equipagga la Renault Espace, test peraltro contestati dalla Casa francese in quanto condotti con procedure diverse da quelle previste in sede di omologazione.

La replica della Renault. La risposta alle indiscrezioni su una possibile frode non si è fatta attendere. In un comunicato ufficiale la Casa francese ha ribadito quanto sostenuto dalla Direzione Generale per l'Energia e il Clima (DGEC), che risponde direttamente al ministero dell'Ecologia, dello Sviluppo Sostenibile e dell'Energia: "I controlli finora effettuati non hanno rivelato sui veicoli Renault la presenza di alcun software finalizzato a falsare i dati relativi alle emissioni". Contemporaneamente, la DGCCRF (Direzione generale sulla concorrenza, sul consumo e sulle truffe, che fa capo alla direzione del Ministero dell'Economia e dell'Industria), con la quale sta collaborando attivamente un team della Renault, ha deciso di condurre ulteriori indagini con lo scopo di convalidare definitivamente la prima analisi effettuata dalla Commissione tecnica indipendente.

Redazione online