Sei in: Home > News > Industria > Accuse dagli USA: per l'azienda sono infondate

Gruppo FCAAccuse dagli USA: per l'azienda sono infondate

 

Avvio pesantissimo a Piazza Affari per il titolo FCA. Le azioni della Casa automobilistica sono state sospese per eccesso di ribasso, rientrando poi in contrattazione con una flessione del 7% a 6,855 euro in un listino in peggioramento e in calo del 2,2% e con l'Eurostoxx di settore tra i peggiori oggi con un -2,9% visto il pessimo andamento del mercato in Russia.

La denuncia in Usa. Il titolo, sottolinea il Sole24Ore Radiocor, già fortemente penalizzato ieri a Wall Street con un calo di oltre il 4%, perde oltre il 18% dalla chiusura del 5 gennaio, all'indomani dello scorporo e della quotazione a Piazza Affari di Ferrari (-1,92%). Inoltre, FCA ha perso l'appeal speculativo su possibili operazioni di M&A dopo che il numero uno Sergio Marchionne ha raffreddato le attese su possibili operazioni a breve. Oggi, a peggiorare il sentiment, un articolo di Automotive News secondo cui due venditori Usa avrebbero denunciato FCA per pratiche di falsificazione delle vendite mensili di auto. FCA avrebbe pagato incentivi ai rivenditori per riportare vendite di auto gonfiate e poi stornate all'inizio del mese successivo. Mike Palese, un portavoce di FCA negli Usa, ha detto che la citazione non è stata ancora notificata e quindi non è possibile fare commenti finchè non si avrà l'opportunità di leggere quali sono le accuse. Secondo un operatore l'entità della vicenda al momento non è quantificabile. Un analista sottolinea anche che le pratiche di incentivi sono piuttosto diffuse negli Usa.

La posizione ufficiale del Lingotto. Non si è fatta attendere la replica del Gruppo guidato da Sergio Marchionne: in un nota diffusa nel primo pomeriggio, FCA si dice "convinta del fatto che la causa sia infondata e sia stata promossa dal legale interno del concessionario proprio nel momento in cui FCA US discuteva con il gruppo del concessionario della necessità che quest’ultimo rispettasse i propri impegni in base a taluni dei contratti di concessione". L'azienda, conclude il comunicato, ha "piena fiducia nell'integrità dei suoi processi di business e dei suoi rapporti con la rete e intende difendere vigorosamente il caso".

Redazione online