• player icon Mini John Cooper Works Clubman al Salone di Parigi
    News
    Mini John Cooper Works Clubman al Salone di Parigi
  • player icon Audi A5 Coupé a Parigi 2016
    News
    Audi A5 Coupé a Parigi 2016
  • player icon Hyundai Ioniq: l'ibrida coreana al Salone di Parigi
    News
    Hyundai Ioniq: l'ibrida coreana al Salone di Parigi
  • player icon Hyundai Ioniq: l'elettrica coreana al Salone di Parigi
    News
    Hyundai Ioniq: l'elettrica coreana al Salone di Parigi
  • player icon La mobilità elettrica di Smart a Parigi 2016
    News
    La mobilità elettrica di Smart a Parigi 2016

Sei in: Home > News > Industria > Il ministro Royal: "Restituzione incentivi non al vaglio"

Emissioni RenaultIl ministro Royal: "Restituzione incentivi non al vaglio"

 

Il governo di Parigi, nell'ambito degli accertamenti sul presunto comportamento irregolare di Renault in materia di emissioni inquinanti, non sta attualmente considerando la restituzione degli incentivi per la commercializzazione di modelli ecologici di cui negli anni scorsi ha beneficiato anche la Casa francese. Lo dichiara il ministro dell'Ambiente Ségolène Royal oggi, in un'intervista concessa al quotidiano Le Parisien.

Ieri le perquisizioni. Il caso, scoppiato lo scorso 24 novembre con il test condotto dall'associazione ambientalista tedesca Duh su una Espace motorizzata con il 1.6 dCi, è tornato alla ribalta ieri con la fuga di notizie - poi confermata nella versione ufficiale dell'azienda - su perquisizioni in corso presso tre sedi francesi del Costruttore.

Nessun rimbalzo in borsa. I fatti di ieri si sono tradotti in un'autentica bufera per il titolo alla borsa di Parigi, dove la Losanga ha chiuso intorno al -10%, dopo aver toccato un picco negativo del -22%. Alle 12 di oggi, sul Cac40, le azioni della Losanga risultavano ancora in decisa flessione (-2,8%).

Royal: necessari ulteriori accertamenti. "La restituzione degli incentivi non è attualmente in considerazione", ha dichiarato la Royal. "Per una misura del genere dovremo prima accertare di quanto eventualmente siano stati superati i limiti di legge". Per il momento, come confermato tanto dall'Eliseo quanto da Boulogne-Billancourt, sui motori Renault non è stata riscontrata la presenza di alcun dispositivo volto a raggirare i controlli delle emissioni, al contrario di quanto accaduto invece nel caso di Volkswagen.

"Renault deve assicurare la regolarità dei motori". Il ministro, nell'intervista, ha aggiunto che sono attualmente sotto verifica ottanta modelli di undici Costruttori diversi, Renault compresa. Gli accertamenti, prosegue la titolare del dicastero, proseguiranno fino all'estate: "Senza aspettare l'esito delle indagini, la Renault deve impegnarsi per assicurare che i suoi motori rispettino i limiti di legge".

Risultati ancora preliminari. Finora, come ricorda Automotive News, l'inchiesta avviata dalle autorità governative francesi dopo lo scoppio del dieselgate VW ha rivelato il superamento di detti limiti nel caso di alcuni modelli, compresi certi prodotti dalla Losanga. I risultati, menzionati ieri dalla stessa Royal, sono comunque frutto di test preliminari.

Fabio Sciarra