• player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3
  • player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
  • player icon Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
    News
    Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna

FerrariRicavi, utile netto ed ebit col vento in poppa

 

I dati odierni sono stati stilati secondo gli standard del Gruppo Fca, quelli definitivi verranno pubblicati separatamente, dopo la riunione del cda che si terrà il prossimo 2 febbraio. Questo puntualizza oggi la Ferrari, pubblicando alcune cifre preliminari riguardo i suoi risultati 2015.

La precisazione. Numeri che sono comunque positivi, nonostante vengano definiti "non necessariamente coerenti" con le prossime indicazioni: "i dati odierni", spiega Maranello "riflettono allocazioni interne ed elisioni tra il Gruppo Fca e Ferrari", e soprattutto contengono ancora la definizione di "indebitamento netto industriale", che verrà rimpiazzata nei nuovi "accounting standard" da quella (diversa) di "indebitamento netto".

Le cifre. Puntualizzazioni finanziarie a parte, la Ferrari ha reso noti ricavi netti per 2,6 miliardi (in crescita rispetto ai 2,45 del 2014), un ebit rettificato a sua volta in fase di progresso (473 milioni, contro i 404 dell'esercizio precedente), e un utile netto che si è attestato a 284 milioni (erano 273 l'anno precedente). Tra le cifre provvisorie spunta anche l'indebitamento netto industriale, che è pari a 963 milioni e riflette esattamente il corrispondente taglio del debito Fca, riversato sul Cavallino come previsto dalle manovre che hanno portato allo scorporo. F.S.