• player icon Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
    News
    Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
  • player icon Con Andreucci al volante della Peugeot 208 T16
    News
    Con Andreucci al volante della Peugeot 208 T16
  • player icon Pokémon Go, giovane americano centra un'auto della polizia mentre gioca al volante
    News
    Pokémon Go, giovane americano centra un'auto della polizia mentre gioca al volante
  • player icon La Maserati Levante in pista a Balocco
    News
    La Maserati Levante in pista a Balocco
  • player icon Land Rover: le nuove tecnologie per il fuoristrada
    News
    Land Rover: le nuove tecnologie per il fuoristrada

FerrariMarchionne: "Una crossover? Mi dovete sparare"

 

"Una crossover Ferrari? Dovete prima spararmi". Così il presidente della Casa di Maranello, Sergio Marchionne, ha risposto alla domanda di un analista durante la conference call per i dati di bilancio delle Rosse. Marchionne ha ribadito che Ferrari "non costruirà mai una macchina in più di quanto richiesto dal mercato. È' il mercato che guida", rimarcando che il livello degli ordini è "forte". Per il numero uno del Cavallino rampante la crescita di Ferrari nel 2016 verrà dalle Americhe e dalla regione Emea, non dalla Cina, "che", ha aggiunto, "non rappresenta una parte considerevole del nostro portafoglio".

La politica dei dividendi. Sotto il profilo finanziario, Marchionne ha dato indicazione sulla politica futura di remunerazione degli azionisti. Ferrari distribuirà nei prossimi anni un dividendo con un pay-out tra il 25% e il 40% dell'utile netto. Oggi, a valere sull'utile netto 2015 di 290 milioni di euro, il consiglio di amministrazione della Ferrari ha deciso di proporre la distribuzione di una cedola di 0,46 euro per azione ordinaria, per un monte dividendi di 87 milioni.

L'andamento in Borsa. Marchionne ha definito "incomprensibile la reazione dei mercati, considerando che per Ferrari i risultati sono record". Oggi a Piazza Affari il titolo "Race" ha chiuso con il secondo maggior ribasso del listino (peggio ha fatto solo Saipem). Scivolati in asta di volatilità dopo i conti 2015 con un indebitamento superiore alle attese del mercato, i titoli Ferrari hanno concluso in calo del 9,59% a 33 euro.

Redazione online