• player icon Hyundai: alla 24 Ore del Ring la i30 2.0 Turbo
    News
    Hyundai: alla 24 Ore del Ring la i30 2.0 Turbo
  • player icon Volvo: presentate le nuove concept della Serie 40
    News
    Volvo: presentate le nuove concept della Serie 40
  • player icon Aston Martin: una Vanquish con gli scarti dei rivestimenti interni
    News
    Aston Martin: una Vanquish con gli scarti dei rivestimenti interni
  • player icon Sergio Marchione a ruota libera alla presentazione della Giulia
    News
    Sergio Marchione a ruota libera alla presentazione della Giulia
  • player icon Ford EcoBoost: sullo skateboard a 60 mph
    News
    Ford EcoBoost: sullo skateboard a 60 mph

Dieselgate VolkswagenWolfsburg posticipa i risultati 2015

 

Il Gruppo Volkswagen ha deciso di rinviare la comunicazione dei risultati dell'anno fiscale 2015 (prevista per il 10 marzo), nonché l'assemblea annuale degli azionisti (21 aprile): all'origine della decisione, secondo quanto spiegato dalla stessa Wolfsburg, ci sarebbero le "questioni aperte" e le "conseguenti valutazioni" relative al caso dieselgate.

Agenda da definire. Volkswagen riferisce che le nuove date di entrambi gli appuntamenti verranno comunicate "il prima possibile", anticipando che il risultato operativo del 2015 (senza contare i costi e i ricavi non ricorrenti) è "al livello dell'anno precedente" e comunque "nell'ambito della variazione attesa". Ad azionisti e stakeholder, Wolfsburg promette un esito "il più possibile trasparente e affidabile": per affrontare eventuali multe e i costi dei richiami, il Gruppo ha comunque accantonato 6,7 miliardi di euro.

La relazione sul dieselgate. Stando a quanto precisato, il rapporto dettagliato sul dieselgate e le sue responsabilità non verrà influenzato dai rinvii comunicati oggi: Volkswagen ha infatti confermato la data di pubblicazione dell'indagine, prevista per la seconda metà di aprile.

Il punto sui richiami. Negli Stati Uniti, Matthias Müller è ancora alle prese con l'Epa e il Carb. Tre giorni fa, il Gruppo ha presentato le soluzioni tecniche per i V6 da 3.0 litri (la risposta dovrebbe arrivare nel giro di un paio di settimane), mentre i correttivi per i 2.0 TDI, già bocciati, sono  oggetto di una revisione comune. Molto diversa la situazione europea: in Germania, dopo l'approvazione della KBA, Wolfsburg ha iniziato a richiamare i pick-up Amarok e le Passat. Nel corso dell'anno, le modifiche verranno estese al resto della gamma coinvolta, ai motori 1.2, 1.6 e agli altri Paesi europei. D.C.