• player icon Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
    News
    Toyota prosegue i test sulla Yaris WRC per il ritorno nei Rally
  • player icon Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
    News
    Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio: le confessioni di un collaudatore
  • player icon Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
    News
    Nico Rosberg firma con la Mercedes AMG F.1 fino al 2018
  • player icon Con Andreucci al volante della Peugeot 208 T16
    News
    Con Andreucci al volante della Peugeot 208 T16
  • player icon Pokémon Go, giovane americano centra un'auto della polizia mentre gioca al volante
    News
    Pokémon Go, giovane americano centra un'auto della polizia mentre gioca al volante

Emissioni
La Germania come l'antidoping: "Controlli a sorpresa per tutti"

 

Controlli a campione su tutti i Costruttori, senza preavviso e a cadenza annuale: in Germania, il governo ha intenzione di trattare le automobili come gli atleti, andando a caccia di emissioni truccate come quelle emerse nel dieselgate Volkswagen.

Verifiche a sorpresa. La strategia di Berlino è stata spiegata ieri dal ministro dei Trasporti Alexander Dobrindt: "Ci saranno controlli simili ai test antidoping, a sorpresa e ogni anno", ha detto il politico al quotidiano Bild. A quanto pare, i tecnici sceglieranno i modelli da verificare tra le flotte delle aziende di noleggio, senza avere contatti con le Case automobilistiche: per assicurare la massima obiettività, è prevista anche una rotazione del personale.

La spinta elettrica. La bozza sui controlli a sorpresa dovrebbe essere sottoposta al Bundestag giovedì prossimo. In attesa di un primo feedback, l'esecutivo federale sta lavorando al piano per la diffusione delle auto elettriche: per quanto riguarda le emissioni zero (il cui target resta fissato a un milione di veicoli entro il 2020), gli accordi con i Costruttori dovrebbero essere chiusi entro il mese di marzo.

Il dieselgate. Nel frattempo, in Germania Volkswagen ha iniziato a richiamare Amarok e Passat, ma l'incertezza che aleggia sul caso dieselgate ha convinto Wolfsburg a posticipare i risultati dell'anno fiscale 2015 (previsti per il 10 marzo) e l'assemblea annuale degli azionisti (21 aprile). Anche ieri, Dobrindt ha detto di aspettarsi "un rapporto dettagliato sulle procedure che hanno portato alla manipolazione" delle emissioni: secondo il Costruttore, l'indagine sulle responsabilità interne sarà pubblicata nella seconda metà di aprile. D.C.