Sei in: Home > News > Industria > Risolta la causa contro l’ex direttore del progetto

Tesla AutopilotRisolta la causa contro l’ex direttore del progetto

 

Accordo raggiunto tra la Tesla e Sterling Anderson, l’ex direttore del progetto Autopilot citato in giudizio per le presunte violazioni alla riservatezza del sistema di guida semi-autonoma: il documento, firmato dalle parti in causa e dall’Aurora Innovation (la start-up fondata da Anderson assieme a Chris Urmson, ex uomo di punta del progetto Google Car) prevede il ritiro delle accuse e delle pretese di risarcimento, in cambio di un’inchiesta indipendente che assicuri il rispetto delle informazioni e della proprietà industriale del costruttore.

La lite tech. Anderson ha lasciato la Tesla lo scorso dicembre, ma secondo gli avvocati di Elon Musk le dimissioni non sono state prive di conseguenze: il manager, infatti, avrebbe scaricato alcune delle informazioni più sensibili" sull’Autopilot e fatto offerte di lavoro a una dozzina di ingegneri, cercando di convincerli a passare nei ranghi di Aurora (in pochissimi casi, anche con successo). Accuse respinte con forza dalla stessa start-up, pronta a sottolineare la correttezza del proprio operato e "il morboso terrore per la competizione" che sarebbe all'origine dell’azione legale.

Chiusura tra un mese. Nell’accordo, visionato da Bloomberg, non sono presenti ammissioni di responsabilità, né sul fronte della Tesla né su quello di Aurora. Tuttavia, il testo prevede l’intervento di una commissione esterna: la start-up, che si farà carico delle spese (fino a circa 100 mila dollari), dovrà mettere a disposizione server e computer per “dimostrare l’integrità” della propria tecnologia e “determinare l’assenza, presenza o utilizzo di informazioni confidenziali di proprietà della Tesla”. I risultati dell’indagine dovranno essere comunicati entro 30 giorni: in caso di violazioni, la Casa di Palo Alto potrà intervenire per recuperare e "blindare" i dati. Infine, Aurora dovrà astenersi dall’offrire posizioni agli ingegneri della Tesla per almeno un anno e pubblicare i nomi degli ex dipendenti che si sono uniti al progetto. D.C.