• player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3
  • player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
  • player icon Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
    News
    Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna

Mercato italianoDicembre, il 2015 si chiude con lo sprint

 

Il 2015 si chiude con un altro mese di incremento a doppia cifra: dicembre va in archivio con un incremento del 18,7% rispetto allo stesso mese del 2014, e un totale di 109.395 unità immatricolate. Con l'ultimo mese dell'anno, arrivano anche i bilanci complessivi del 2015: gli ultimi dodici mesi si sono chiusi con 1.574.872 auto vendute in Italia, pari a un incremento del 15,8% rispetto all'anno precedente.

Riviste al rialzo le previsioniper il 2016. I numeri hanno superato - seppure di poco - le proiezioni dell'Unrae, che a ottobre parlava di una chiusura a 1.560.000 unità e che a fine novembre aveva rivisto la stima, portandola a 1.570.000. Alla luce del dato odierno, l'associazione ha ritoccato al rialzo anche la previsione per il 2016, che stando al trend odierno dovrebbe raggiungere un volume di 1.650.000 unità (diecimila più della precedente stima), segnando un ulteriore incremento del 5% circa rispetto all'anno appena passato.

Fca oltre la media, ma è Fiat a spingere. Per quanto riguarda la situazione dei singoli Gruppi, si conferma il trend di crescita di Fca, superiore rispetto a quello del mercato: il Gruppo ha chiuso l'ultimo mese dell'anno con un +27,1% (+18,3% da inizio anno) che è frutto dell'exploit di Fiat (+32,8% a dicembre, +16,8% da inizio anno). Bene anche Alfa e Lancia (+17,5% e +17,1%), che chiudono l'anno in positivo (+7,7% e +1,6% rispettivamente). Meno brillante rispetto al solito la crescita di Jeep (+6,4%), che chiude comunque il 2015 al +164%.

VW in territorio positivo. Altri dati sotto la lente d'ingrandimento restano quelli del Gruppo Volkswagen, che conferma - nonostante gli scandali sulle emissioni emersi dallo scorso settembre - il trend di crescita con la chiusura dell'ultimo mese, risultata comunque inferiore rispetto alla media del mercato (+13,4%, +9,7% da inizio anno). A dicembre si sono distinte in particolare Audi (+17,5%, +9,6% da inizio anno) e Seat (+19,9%, +18,9% da inizio anno, unico marchio sopra la media del mercato), ma hanno registrato risultati positivi anche Volkswagen (+12,2%, +7,9% da inizio anno) e Skoda (+7,4%, +16% da inizio anno).

Lo scivolone di Smart appesantisce Daimler. In un panorama di crescita a doppia cifra, spiccano ancora di più risultati come quello di Opel (-1,5%), protagonista di uno scivolone a fine anno che però non compromette la performance sui dodici mesi (+17,5%), e più ancora quello di Smart, che chiude un anno da incorniciare (+52%) con una forte oscillazione negativa (-42%), capace di trascinare sotto la parità il risultato complessivo di Daimler (-5,5% a dicembre, +24,8% da inizio anno), nonostante una Mercedes-Benz in grande forma (+16,8%, +15,5% da inizio anno).

Bene sia i privati sia il noleggio. Anche a dicembre si confermano gli sviluppi positivi della domanda dei clienti privati, che è cresciuta oltre la media del mercato (+20,5%, +18,1% da inizio anno), raggiungendo una quota del 67,8% (63,7% da inizio anno). Ancora meglio ha fatto il noleggio, chiudendo con un +23,7% a dicembre (quota del 13,6%), che ha spinto il consuntivo sui dodici mesi al +18% (e la quota al 19,7%).

L'anno nero del gas. Per quanto riguarda le alimentazioni, emerge con crescente forza il divario tra il gas e il resto del mercato: diesel (+27,8%), benzina (+29,5%), ibride (+31,6%) ed elettriche (+22,2%) condividono un andamento simile, mentre Gpl (-29,3%) e metano (-36%) sono in caduta libera, e risultano le uniche due tipologie d'alimentazione in calo nell'intero 2015, con il primo che ha chiuso al -3%, e il secondo al -13,1%.

Top ten, la Panda sempre davanti a tutti. Importanti novità a dicembre per i modelli più venduti: alle spalle della solita Fiat Panda, prima nell'ultimo mese e nell'anno intero (con 126.326 unità), si sono insediate nell'ordine Lancia Ypsilon (terza da inizio anno con 55.831 unità) e Fiat 500X, entrata grazie all'exploit dell'ultimo mese nella top ten del 2015 (32.572 unità).

Secondo posto per la Punto. La sorpresa di dicembre è costituita dall'uscita dalla top ten della Fiat Punto, che però ha comunque chiuso il 2015 al secondo posto assoluto, con meno di settecento unità di vantaggio sulla Ypsilon (56.501). Risultano invece stabili, al quarto e al sesto posto rispettivamente, la 500L e la 500.

La Golf è la straniera più amata. La top ten di dicembre comprende anche la Renault Clio (quinta nel mese, settima da inizio 2015), la Volkswagen Golf (quinta da inizio anno, nonché modello straniero più gettonato), la Volkswagen Polo, la Ford Fiesta e la Citroën C3.

Fabio Sciarra