• player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3
  • player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
  • player icon Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
    News
    Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna

Mercato italianoOttimo inizio d'anno

 

In linea con la fine dello scorso anno, anche il 2016 si è aperto con un incremento a doppia cifra: nonostante il giorno lavorativo in meno (19 giorni contro 20) gennaio si è infatti chiuso con un +17,4% rispetto allo stesso mese del 2015, per un totale di 155.157 unità. Certo, i volumi di questo primo mese sono ancora lontani dai livelli pre-crisi (nel 2007 le immatricolazioni erano state 250.311), ma comunque non mancano i segnali di ripresa.

Rialzi a doppia cifra per il Gruppo Fca. Come sempre trainato dal marchio Fiat (35.571 immatricolazioni, il 19,66% in più rispetto a gennaio 2015), il Gruppo Fca prosegue con risultati positivi anche a inizio 2016. In particolare, c'è da segnalare il +47,56% di Jeep/Dodge, seppur su volumi minori (3.779 unità), seguita da Alfa Romeo (+11,69%, 2.761) e Lancia/Chrysler (+10,34% 5.560).

Tutti in positivo, o quasi. Gennaio è stato un mese positivo per tutti i marchi principali, dalla Volkswagen (+20,18%, 11.869 unità) alla Ford (+17,44%, 11.111) dalla Renault (+22,7%, 9.828) alla Opel (+12,17%, 8.178). L'unica Casa a far registrare una perdita - seppur lieve - è stata la Toyota con un -0,11%, pari a 6.209 unità. Il Costruttore giapponese può comunque consolarsi con il quarto anno consecutivo da leader mondiale.

Ok noleggio e privati. Va detto che il noleggio ha giocato un ruolo importante questo mese, con 4.250 vetture immatricolate in più rispetto a gennaio 2015 (+15,3%), un risultato che ha consentito di raggiungere una quota di mercato del 20,5%. Alla crescita ha contribuito in modo decisivo il breve termine (+29,4%), ma è salito anche il lungo termine, con un +6,2% ottenuto grazie alle esigenze di rinnovo dei contratti, allungati nei periodi più difficili. Analizzando la struttura del mercato, infine, è emerso come le forti azioni commerciali abbiano spinto nettamente le vendite ai privati: con il +23,7% di gennaio, la quota è salita al 66% del totale.

Gas: prosegue la crisi. Dopo le cifre in calo del mese di dicembre, anche a gennaio l’analisi delle immatricolazioni per alimentazione ha evidenziato perdite per le vetture a gas, con un -27,4% per il metano e un -27,8% per il Gpl. Fra le possibili cause, anche la diminuzione dei prezzi di benzina e gasolio, scesi, rispettivamente, del 10 e del 13%. Le auto a benzina hanno così incrementato la propria quota di mercato fino a raggiungere il 33,3%, il risultato migliore degli ultimi due anni, mentre le diesel hanno toccato il 55,9%. Per quanto riguarda ibride e elettriche, infine, a gennaio hanno mantenuto la stessa quota del mese precedente, il 2,2%, contro l’1,8% di un anno fa.

Le top. Fra le auto più vendute di gennaio c'è ancora la Fiat Panda (13.362 unità), seguita dalla Lancia Ypsilon (5.558) e dalla Fiat 500 (5.037). Al quarto posto troviamo la Fiat 500X (4.425). A condurre la classifica delle diesel troviamo invece la Fiat 500X (4.144 unità), seguita dalla Renault Clio (3.372) e dalla Fiat 500L (3.357). Al quarto posto da segnalare la Jeep Renegade (3.032), risalita di due posizioni rispetto al mese scorso. Bene, infine, il mercato dell’usato: con 374.184 trasferimenti di proprietà al lordo delle minivolture, l'incremento è stato pari al 6,3% rispetto a gennaio 2015.

Alessandro Carcano