• player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
  • player icon Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
    News
    Con la Hyundai i20 WRC di Neuville al Rally di Sardegna
  • player icon Simulatore di guida Danisi Engineering
    News
    Simulatore di guida Danisi Engineering
  • player icon Duel di Steven Spielberg (1971)
    News
    Duel di Steven Spielberg (1971)
  • player icon  Bullitt di Peter Yates (1968)
    News
    Bullitt di Peter Yates (1968)

Tesla Model SUsa, l'elettrica guida la classifica delle berline premium

 

Con 25 mila Model S (e 206 Model X) vendute nel 2015, la Tesla guida il mercato elettrico americano ma è ancora un granello di sabbia se paragonata ai 17,5 milioni di immatricolazioni complessive.Tuttavia, dai conti del quarto trimestre di Palo Alto è emersa una novità importante, in grado di andare oltre la nicchia delle emissioni zero: già, perché a quanto pare la Model S è salita anche sul trono delle berline premium tradizionali.

Cambio di passo. La tabella pubblicata dalla Tesla trova riscontro nei dati ufficiali delle altre Case sulle vetture dei segmenti E ed F (ad eccezione della Porsche Panamera, per cui il Costruttore tedesco conteggia un'auto in più). Come detto, la Model S si colloca al vertice con 25.202 immatricolazioni (16.689 del 2014, +51%): al secondo posto troviamo la Mercedes-Benz Classe S (21.934, -13,22% rispetto al 2014), ancora in vetta se si considera l'ultimo biennio (47.210 unità vendute contro le 41.891 di Musk). Sempre tra le berline premium, seguono la BMW Serie 7 (9.292 immatricolazioni, -4,64%), la BMW Serie 6 (8.146, -5,79%), l'Audi A7 (7.721, -5,07%), la Lexus LS (7.165, -16,29%), la Mercedes-Benz Classe CLS (6.152 -11,88%), l'Audi A8 (4.990, -15,48%), la Porsche Panamera (4.986, -13,15%) e la Jaguar XJ (3.611, -16,59%). Insomma, dove le altre calano, la Model S cresce.

I dati mostrati da Tesla nel bilancio del quarto trimestre 2015


In quella che è un'innegabile cavalcata, bisogna tuttavia fare un paio di considerazioni. La Model S (negli Usa a partire da 70 mila dollari  e da 108 mila nel caso della P90D, incentivi esclusi) si posiziona a cavallo tra i segmenti E ed F: vende più delle ammiraglie tout court, ma non della BMW Serie 5 (44.162 immatricolazioni negli Usa) e della Classe E (49.736), escluse dalla classifica riportata dalla Tesla assieme all'Audi A6 (22.850) e alla Lexus GS (23.117). Come berlina a emissioni zero, oggi la Model S non ha concorrenza, ma le cose potrebbero cambiare nel giro di qualche anno: molti Costruttori prevedono di elettrificare gran parte della gamma e nel 2018 la stessa Model X se la vedrà con la nuova Suv dell'Audi, basata sulla e-tron quattro concept. Musk, partito per primo, dovrà premere sull'acceleratore. E la Gigafactory sarà il razzo vettore. D.C.