• player icon Tesla: l'autopilot evita un incidente
    News
    Tesla: l'autopilot evita un incidente
  • player icon Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
    News
    Polizia: controlli a tappeto in tutta Italia
  • player icon Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
    News
    Porsche Panamera: un'anteprima della nuova generazione
  • player icon Citroën: primo video-teaser della C3
    News
    Citroën: primo video-teaser della C3
  • player icon Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia
    News
    Cinque stelle EuroNCAP per l'Alfa Romeo Giulia

Gruppo NissanIn Europa vendite e quote in calo a gennaio

 

Nissan Europa ha comunicato i risultati commerciali relativi al primo mese dell’anno: in totale il costruttore giapponese ha venduto 51.500 unità in tutto il Vecchio Continente, inclusa la Russia, con un calo del 14,5% rispetto a gennaio 2015. Il dato, che include i brand Nissan, Infiniti e Datsun, evidenzia forti cali di consegne non solo in Russia, ma anche in Francia, oltre flessioni più lievi nel resto dei Paesi europei. A gennaio 2015, infatti, il Gruppo Nissan aveva una quota del 4,7%, passato al 3,7% (-1%) un anno dopo. Il Regno Unito è stato il suo mercato più grande con 9.300 unità vendute, seguito nella top five da Germania, Russia, Italia e Francia.

I modelli più venduti. Dal punto di vista dei modelli, la Nissan Qashqai rimane la più venduta con 18.900 unità, mentre la Juke ha occupato il secondo posto con 7.600 esemplari consegnati. La top five dei modelli è completata da X-Trail (5.600 auto), Micra (4.900) e Note (3.300). Questi dati sottolineano come le tre auto più popolari rientrino popolare segmento delle Suv.

In Francia consegne a -24%. L’immatricolato in Europa Occidentale indica che Nissan ha perso quota con un calo del 5% a fronte di una crescita complessiva del mercato del 6,2%. Le immatricolazioni di Nissan e Infiniti sono passate da 44.200 unità di gennaio 2015 a 42.200 del mese scorso e la sua quota, nello stesso periodo, è passata dal 4,3 al 3,9%, principalmente a causa del calo subito in Francia, uno dei suoi mercati più importanti, dove ha immatricolato 4.485 vetture (erano 5.936 un anno prima), con un calo del 24%.  Ma i volumi sono diminuiti anche nel Regno Unito (-3%) e in Germania (-8%), i suoi mercati più grandi.

Cresce in Italia, ma meno del mercato. Nonostante una crescita del 3% dell’immatricolato in Italia, la quota è diminuita di 0,46 punti percentuali, poiché il mercato generale è cresciuto molto di più. In Spagna il brand ha immatricolato 3.634 unità, pari a un aumento del 4%, mentre fuori dai cinque principali mercati, il totale per il Gruppo Nissan (Infiniti inclusa) si è attestato a 12.600 unità (-1%).

Volumi bassi per Infiniti. I numeri sono molto bassi per Infiniti. Il Regno Unito è stato il mercato più rilevante per il brand premium con solo 105 unità immatricolate (+72%); la Francia occupa la seconda posizione con 97 auto (+73%) e in Germania 96 vetture hanno trovato un nuovo cliente (+10%). Contrariamente a quanto successo con il marchio Nissan, per Infiniti la Spagna ha chiuso in negativo con solo 24 unità (-41%), mentre in Italia il totale è rimasto sostanzialmente invariato rispetto a gennaio 2015, con 42 esemplari consegnati.

Redazione online