• player icon La funzione Remote View 3D per la nuova BMW Serie 5
    News
    La funzione Remote View 3D per la nuova BMW Serie 5
  • player icon Ford avrà la guida autonoma nel 2021
    News
    Ford avrà la guida autonoma nel 2021
  • player icon Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
    News
    Hyundai i30: il design alla base nuova generazione
  • player icon Il sound dell'Aston Martin DB11
    News
    Il sound dell'Aston Martin DB11
  • player icon Una SEAT Ateca di sabbia
    News
    Una SEAT Ateca di sabbia

Mercato europeoFebbraio, FCA col turbo: vendite e quota da record

 

Il mercato europeo segna il trentesimo mese consecutivo di crescita: secondo i dati Acea, febbraio si è chiuso con 1.092.825 immatricolazioni (incluse le 35.923 dei Paesi Efta), per un incremento del 14% rispetto a febbraio 2015. Buona anche la performance dei primi due mesi dell'anno con un totale di 2.186.605 veicoli, pari a un incremento del 10,1% rispetto al primo bimestre del 2015.

L'Italia traina tutti. Tra i mercati principali, l'Italia continua la sua cavalcata con 172.241 vendite (+27,3% rispetto a un anno fa e +22,6% rispetto al primo bimestre dell'anno). Crescita a due cifre anche per la Francia (166.728 veicoli, +13%), la Spagna (97.650, +12,6%) e la Germania (250.146, +12%).

FCA a tutta velocità. Tra i Costruttori, emerge il record del Gruppo FCA, coerente con il dato italiano: a febbraio, il Costruttore ha registrato 80.963 immatricolazioni, per un aumento del 22,4% rispetto al 2015. Numeri che vanno ben oltre la crescita media del mercato. Ottimo anche il rilievo della quota, salita dal 6,9 al 7,4%. Tra i marchi, Fiat fa la parte del leone (60.730 vetture, +24,4%), seguita da Jeep (7.871, +23,9%), da Lancia/Chrysler (6.890, +16,9%) e da Alfa Romeo (5.090, +8,6%). Vendite in crescita per il Gruppo Volkswagen, anche se a una velocità dimezzata rispetto al mercato: per Wolfsburg, febbraio si è chiuso con 262.670 immatricolazioni (+7,7%) e una quota del 24%, scesa di 1,4 punti rispetto a un anno fa. Tra i marchi tedeschi, Volkswagen ha registrato 125.058 vetture (+4,6%), mentre Seat risulta in calo (25.383 vetture, -4,2%). Di contro, crescono Audi (57.753 auto, +16%), Skoda (49.797, +14,4%) e Porsche (4.477, +4,9%).

Ford e i francesi. Febbraio è stato un mese molto positivo anche per Ford: l'Ovale Blu ha immatricolato 73.440 automobili (+19,2%), aumentando la quota di mercato dal 6,4 al 6,7%. Con un totale di 121.715 vendite (+12,7%), invece, il Gruppo PSA registra una quota dell'11,3%, in calo di 0,2 punti rispetto a febbraio 2015. Il dettaglio vede Peugeot con 71.131 immatricolazioni (+14,1%), Citroën con 45.309 (+11,3%) e DS con 5.275 (+7,3%). Con 106.652 vetture (+10,2%), anche il Gruppo Renault cede sul fronte market share, passato dal 10,1 al 9,8%: in particolare, Renault si attesta su 77.005 veicoli (+10,6%), mentre Dacia si ferma a 29.647 (+9,1%).

I tedeschi. In Germania, il Gruppo di Stoccarda registra un'ottima performance con 63.019 immatricolazioni (+20,6% e quota dal 5,5 al 5,8%): Mercedes-Benz, in particolare, cresce del 21,2% con 54.640 vetture, mentre Smart migliora il dato del 16,9% con 8.379 vendite. Buoni anche i numeri di Opel (71.214 auto, +17,9% e quota di mercato dal 6,3 al 6,5%), mentre il Gruppo BMW (67.580 vetture, +13,9%) è stabile al 6,2%: nel dettaglio, Mini cresce del 9,3% con 11.649 auto.

Le altre Case. A febbraio, il Gruppo Toyota ha immatricolato 47.197 automobili (+10,8%), di cui 44.745 Toyota (+9,8%) e 2.452 Lexus (+31,2%), per una quota di mercato complessiva del 4,3% (4,4 a febbraio 2015). Seguono Nissan (40.076 consegne, +1,7% e quota dal 4,1 al 3,7%), Hyundai (35.324, +14,1% e quota stabile al 3,2%), Kia (31.308, +22% e quota dal 2,7 al 2,9%), Volvo (20.580, +21,1% e quota dall'1,8 all'1,9%). In particolare evidenza Mazda (17.531 consegne, +44,6% e quota dall'1,3 all'1,6%) e Jaguar Land Rover: a febbraio, il Costruttore inglese ha infatti consegnato 12.267 auto (+58,7%), incrementando la quota di mercato dallo 0,8 all'1,1%. In particolare, la XE ha fatto balzare Jaguar da 982 immatricolazioni a 2.741, pari a un aumento del 179,1%. Infine, il rapporto Acea si chiude con Suzuki (12.796, +4,6% e quota dall'1,3 all'1,2%), la buona performance di Honda (11.777, +48,6% e quota dallo 0,8 all'1,1%) e Mitsubishi, con 9.015 veicoli (+3,2%) e una quota di mercato scesa dallo 0,9 allo 0,8%.

Redazione online