Sei in: Home > News > Mercato > Vendite globali in aumento: a marzo +5,3%

BMWVendite globali in aumento: a marzo +5,3%

 

A marzo le vendite globali della BMW hanno segnato un incremento del 5,3% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, per un totale di 212.100 esemplari. Il brand di Monaco ha così archiviato il primo trimestre 2017 con un aumento del 5,2%, per un numero complessivo di 503.400 auto uscite dalle concessionarie: un risultato inedito nella storia della Casa, ma non abbastanza per agguantare la Mercedes-Benz, i cui risultati sono ancora migliori.

Trainata dalle Suv. La performance positiva si deve al concorso di vari fattori, a partire dal buon andamento della gamma Suv e degli ultimi modelli lanciati sul mercato. La X1 continua a registrare aumenti importanti, con 26.800 unità vendute a marzo, il 21% in più rispetto allo stesso mese del 2016. Una crescita simile a quella della X5, a quota 17.700 esemplari (+20,7%). Passando alle berline, sono impressionanti le 7.100 unità della Serie 7 (+74,8%), contro le 35 mila della nuova Serie 5. Quanto alle ibride e alle elettriche, da inizio anno la Casa ha venduto quasi 20 mila vetture, circa il 4% del totale.

BMW Marzo 2017

Europa: bene, ma meno del mercato. Nei cinque principali mercati del Vecchio Continente, la BMW ha immatricolato 79.500 macchine, il 5,9% in più rispetto alle 75 mila del 2016. In particolare, le immatricolazioni sono state quasi 35 mila in Gran Bretagna (+7,4%), 27.800 in Germania (+5,8%), 6.500 in Italia (+7,1%), 5.700 in Francia (-4,9%) e 4.600 in Spagna (+9,2%). Nei cinque Paesi, l’incremento registrato dal costruttore di Monaco è stato inferiore a quello del mercato, che si è attestato su un +10,6%. Di conseguenza, la quota della BMW nell’area si è ridotta dello 0,23%, passando dal 5,53% di marzo 2016 al 5,30% del mese scorso. Una flessione generalizzata, che è stata particolarmente consistente in Germania, dove la quota è scesa dall’8,13% al 7,73%.

Buone notizie dagli States. Negli Usa, il marchio ha venduto 31 mila auto in marzo, pari a una crescita del 3,3%, significativa se si considera la flessione del mercato (-1,7%): la quota della Casa tedesca è dunque salita dall’1,90% all’1,99%. Tra i costruttori premium, solo la Mercedes - cresciuta del 2,3% - ha registrato volumi maggiori. In Asia, infine, i brand BMW e Mini hanno venduto 76 mila unità (+9,5% rispetto a marzo 2016), di cui 50.800 in Cina (+8,3%) e 9.700 in Giappone (+5,6%).

Car Industry Analysis