Sei in: Home > Citta' > Milano > Ingiunzione "espressa" per chi deve pagarne più di tre

Multe arretrateIngiunzione "espressa" per chi deve pagarne più di tre

 

Due pesi, due misure. A Milano, dopo lo scandalo delle multe notificate oltre i 90 giorni, arrivano le maniere forti per chi ha più di tre verbali arretrati: per sveltire la riscossione degli accertamenti mai pagati del 2013 (e risparmiare sulle raccomandate), il Comune ha infatti deciso di passare direttamente all'ingiunzione, saltando la fase "preliminare" dell'avviso bonario.

Richiesta per direttissima. Il caso è stato sollevato dal consigliere comunale di Forza Italia Fabrizio De Pasquale, il quale ha esaminato l'ultima tranche di verbali pronta per la spedizione: "Ci sono 110 mila avvisi bonari destinati a chi deve pagare da una a tre multe - spiega il consigliere - Il resto è rappresentato dalle ingiunzioni destinate a chi ne ha di più. Ho chiesto agli uffici e mi hanno confermato la decisione". La differenza è sostanziale: per gli avvisi, si pagano l'importo pieno della sanzione (la metà del massimo previsto per legge), i costi di notifica e quelli di riscossione. Nel caso delle ingiunzioni, invece, l'importo comprende l'interesse semestrale (calcolato dalla data in cui è decorso il termine per il pagamento in misura ridotta) e l'eventuale riscossione coattiva. In entrambi i casi, il termine per i pagamenti è di trenta giorni.

"Scelta discrezionale". Secondo De Pasquale, la decisione di Palazzo Marino prefigura "assolutamente dei profili per il ricorso: è una scelta discrezionale, come si ci fossero milanesi di serie A e di serie B e basata su una disparità di trattamento che non è motivata né da leggi né da delibere consiliari". Dal 1° ottobre del 2014, ovvero da quanto è finita la collaborazione con Equitalia, il Comune riscuote autonomamente le tasse e le multe: sul fronte delle sanzioni arretrate le richieste sono state già centinaia di migliaia, per importi pari a decine di milioni di euro. Tuttavia, le statistiche dimostrano che le cifre realmente incassate dall'amministrazione sono meno della metà: sia per chi fa orecchie da mercante - ingiunzioni o meno - sia per chi vince i ricorsi.

Redazione online