• player icon Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
    Mondo auto
    Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
  • player icon In pista a Vairano con Aleix Espargaro
    Mondo auto
    In pista a Vairano con Aleix Espargaro
  • player icon Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
    Mondo auto
    Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
  • player icon Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
    Mondo auto
    Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
  • player icon Indovina chi viene in pista?
    Mondo auto
    Indovina chi viene in pista?

Raid Pechino-ParigiUna giornata per Giulia

 

Tra passato e presente, una sorta di passaggio di consegne: perché la storia continua. Dalla Giulia alla Giulia, quindi, dall’auto “disegnata dal vento” nel 1962 a quella del rilancio del Biscione. L’evento, che si tiene venerdì 4 marzo a Palazzo Lombardia (apertura al pubblico dalle ore 10 alle 15, ingresso libero), è organizzato dalla Scuderia del Portello e patrocinato dalla Regione: la migliore occasione per presentare i team e le vetture che parteciperanno alla centenaria Pechino-Parigi. In più, c’è una mostra sulla Giulia e tanti interventi "live", direttamente dalla voce di ha avuto a che fare con lei molto da vicino...

Avventura. Dal 12 giugno al 17 luglio l’appuntamento sarà poi con la sesta edizione della Pechino-Parigi, raid di respiro internazionale che vedrà ai nastri di partenza, sotto la Grande Muraglia cinese, oltre 100 equipaggi provenienti da 26 Paesi. Cinque settimane d'avventura, 14.000 chilometri di gara con le vetture più solide e affidabili della storia dell’auto, vecchie almeno quarant’anni e divise in quattro categorie. Unica tappa italiana il 13 luglio, a San Martino di Castrozza. Arrivo il 17 luglio, a place Vendôme a Parigi. La Scuderia del Portello parteciperà proprio con due Giulia, pilotate dal presidente Marco Cajani (co-driver Alessandro Morteo), e dal gentleman driver Roberto Chiodi (assistito dalla moglie, Maria Rita Degli Esposti).

Esposizione. Per ripercorrere la storia della Giulia, a Palazzo Lombardia è allestita un’esposizione che abbraccia la gamma, includendo esemplari di produzione e da competizione. Oltre ai modelli appartenenti al Registro Italiano Giulia, la Scuderia del Portello ha schierato le vetture che hanno partecipato ad altri grandi raid (come la London-Sydney Marathon e il raid dell’India) e la Giulia “station wagon” che ha preso parte al “raid della fratellanza e della pace”. Assieme alle virtù del’ultimo modello ci saràspazio anche la prooiezione di un film per celebrativo sulle Giulia e sulla mitica Pechino-Parigi.  V.B.