• player icon Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
    Mondo auto
    Ford Drug Driving Suit: test in esclusiva
  • player icon In pista a Vairano con Aleix Espargaro
    Mondo auto
    In pista a Vairano con Aleix Espargaro
  • player icon Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
    Mondo auto
    Dieselgate Volkswagen: cosa ne dice la gente?
  • player icon Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
    Mondo auto
    Alex Zanardi ci racconta la sua prima 24 Ore (video)
  • player icon Indovina chi viene in pista?
    Mondo auto
    Indovina chi viene in pista?

Strade ingolfate (di Tir)Le bretelle di Melegnano

 

Prima dell’inizio dell’estate: crescono le probabilità di vedere aperti il collegamento SP 39-SP 40 (viadotto sul Lambro che connette la Binaschina e la Cerca), il collegamento SP 39-SS 9 (viadotto sul Lambro, lungo la direttrice Vizzolo-via Emilia-Cerro al Lambro) e il raccordo SP 17-SP 165 fino alla SP 165 (nuova Sant’Angiolina, fino a località Riozzo). In tema di sicurezza, serve solo il semaforo verde della Commissione di collaudo, nominata da Concessioni Autostradali Lombarde. Si sblocca finalmente l’iter delle bretelle di Melegnano, impantanato nelle grinfie della burocrazia. Decisivo è stato un incontro che ha riunito la Città metropolitana di Milano, le amministrazioni locali interessate dalle bretelle del nodo stradale di Melegnano e Teem e i sindaci di Carpiano, Cerro al Lambro, Colturano, Dresano, Melegnano, Vizzolo Predabissi, il vicesindaco di San Zenone al Lambro e l’ufficio tecnico di Tangenziali Esterne.

Il nodo. Melegnano rimarrebbe tagliata fuori dal traffico ingolfato della via Emilia, carica di mezzi pesanti. L’opera è pronta da mesi ma, visto il protrarsi dello stallo, il sindaco del Comune a sud di Milano, Vito Bellomo, aveva minacciato di firmare un’ordinanza che bloccava i tir sulla via Emilia. “Vogliamo prenderci carico delle bretelle di Melegnano per alleggerire al più presto il territorio da un problema che ha radici antiche. Città metropolitana ha fatto tutto quello che doveva e lo ha fatto in anticipo sui tempi - ha detto Arianna Censi, consigliere delegato alla mobilità e alla viabilità di Città metropolitana di Milano, che ha esortato la Tangenziale Esterna spa a completare tutti gli atti e a compiere tutte le azioni che consentano alla commissione di collaudo di fornire, al più presto, il via libera definitivo all’apertura delle strade. V.B.