Sei in: Home > Eco > Mobilità alternativa > Uber va a caccia di fornitori

Flotte autonomeUber va a caccia di fornitori

 

La flotta autonoma di Uber è sempre più vicina. A quanto pare, la controversa società di Travis Kalanick è intenzionata a piazzare un maxi ordinativo per migliaia di auto connesse e dotate di sistemi di assistenza alla guida: i primi contatti con i Costruttori tradizionali sarebbero già stati avviati e tra i possibili fornitori potrebbe esserci anche Daimler, citata da alcuni report emersi nei giorni scorsi.

Flotte robot. Come Google, Zipcar e Lyft, anche Uber punta a costruire un servizio basato su vetture autonome prenotabili via app: il futuro prevede un ride sharing senza autisti, attivo a tutte le ore del giorno e della notte nelle grandi aree urbane. Per arrivarci, il colosso di San Francisco ha investito nell'Uber Advanced Technology Center, una struttura creata l'anno scorso a Pittsburgh e già destinata a un'ulteriore espansione: tuttavia, resta il tema della partnership industriale per la fornitura dell'hardware su quattro ruote, vale a dire le auto vere e proprie.

Le voci su Daimler. Secondo la Reuters, Uber ha già cominciato a fare "shopping" di vetture: al momento si tratta solo di voci, ma le indiscrezioni si stanno rapidamente moltiplicando. Uno dei nomi in circolazione è quello di Mercedes-Benz: stando al mensile Manager Magazin, infatti, Uber avrebbe già piazzato un ordine a lungo termine per "100 mila Classe S", da fornire nei prossimi anni in vista di un debutto attorno al 2020. La notizia non ha ancora avuto conferme, ma ha fatto il giro del mondo: l'importo dell'eventuale accordo sarebbe astronomico (si parla di 10 miliardi di euro), ma non del tutto impossibile per un'azienda che oggi viene valutata cinque volte tanto (62,5 miliardi di dollari).

La S 500 Intelligent Drive. Finora, Kalanick aveva espresso un interesse per la Tesla e il sistema Autopilot: tuttavia, anche il Drive Pilot della Mercedes-Benz potrebbe rappresentare una soluzione per la flotta autonoma di Uber. I test della S 500 Intelligent Drive vanno avanti da tempo: il primo è stato un viaggio di 100 km tra le città tedesche di Mannheim a Pforzheim, nell'agosto del 2013, ma non mancano le sperimentazioni sulle strade della California. Inoltre, sul mercato è appena sbarcata la nuova Classe S con funzioni semiautonome, capace di gestire i sorpassi e di seguire la strada anche in assenza di segnaletica orizzontale. D.C.