Sei in: Home > Eco > Mobilità alternativa > Grab, 2,5 miliardi di dollari da Didi e Softbank

Ride sharingGrab, 2,5 miliardi di dollari da Didi e Softbank

 

Grab, il principale concorrente di Uber nel Sud-Est asiatico, ha ricevuto un finanziamento record di 2,5 miliardi di dollari. A credere nel progetto della startup di Singapore è stata una cordata di investitori guidata dai giapponesi di Softbank e dai cinesi di Didi Chuxing (proprietaria della filiale locale di Uber): questi ultimi, da soli, hanno intenzione di fornire alla società di ride sharing due miliardi di dollari.

I numeri di Grab. La manovra, che avevamo anticipato negli scorsi mesi, è la più consistente di sempre per una startup asiatica, e porterà la società verso una valutazione superiore ai sei miliardi di dollari, secondo quanto riportato dalla Reuters. Ciò, verosimilmente, rafforzerà ancora la posizione di Grab in Asia, che già oggi detiene il 95% del mercato del ride sharing nel Sud-Est asiatico, potendo contare su oltre tre milioni di corse al giorno.

I (pochi) concorrenti. Grab offre, tra le altre possibilità, servizi di pagamento elettronico, noleggio, taxi, carpooling e ride hailing. La startup conta 1,1 milioni di autisti ed è attualmente attiva in 65 città della regione tra Singapore, Filippine, Malesia, Myanmar, Thailandia, Vietnam e Indonesia. Proprio lì, Grab ha un concorrente scomodo nella locale Go-Jek, che fornisce servizi di ride hailing su due ruote, e che ha appena ricevuto 150 milioni di dollari dalla Tencent Holdings, la più grande internet company cinese che detiene anche il 5% delle azioni Tesla.

Redazione online