Peugeot 301Debutta la nuova berlina globale

Peugeot 301 Debutta la nuova berlina globale Peugeot 301 Debutta la nuova berlina globale Peugeot 301 Debutta la nuova berlina globale
 

La Peugeot ha presentato oggi le prime foto ufficiali della nuova 301, una berlina quattro porte che rivestirà un ruolo molto importante nell'internazionalizzazione del marchio francese, spinto alla ricerca di nuovi mercati, soprattutto nei paesi emergenti. La 301 è stata progettata proprio con la priorità di piacere a un nuovo, ampio bacino di clientela, localizzato lontano dai tradizionali punti di riferimento commerciali della Casa - come l'Europa Occidentale - e attratto da proposte economicamente accessibili.

Ambizioni da world car. Questa nuova tre volumi nasce per diventare nel giro di pochi anni una delle Peugeot più vendute al mondo, nelle intenzioni del Costruttore di Sochaux. Caratterizzata da un design allineato con i dettami stilistici dei modelli più recenti, la 301 ha percorso un cammino di sviluppo particolarmente severo, per essere pronta anche a condizioni di utilizzo particolarmente gravoso, come quelle che si possono incontrare in alcuni dei Paesi in via di sviluppo.

Dotazione ricca. La tre volumi francese misura 444 cm di lunghezza, 265 di passo e, a testimonianza della sua vocazione pragmatica, offre un bagagliaio da ben 506 litri. I contenuti tecnologici, soprattutto quelli legati alla sicurezza attiva e passiva, sono notevoli, considerata l'impostazione del prodotto: Abs, Esp, quattro airbag, attacchi Isofix e assistenza alla frenata d'emergenza, rientrano nella dotazione di serie. Per il resto, il "corredo" è composto da climatizzatore, radio cd/Mp3 con funzione Bluetooth e ingresso Usb, apertura remota del cofano bagagli e sensori di parcheggio posteriori.

Le motorizzazioni. Anche la composizione della gamma motori riflette una scelta improntata alla modernità, piuttosto che al semplice contenimento dei costi. Le proposte a benzina sono il nuovissimo 1.2 VTi da 72 CV, un tre cilindri a iniezione diretta appena lanciato sulla 208 (disponibile con il cambio manuale o il robotizzato) e il 1.6 VTi da 115 CV, che si potrà scegliere in abbinamento al cambio manuale o all'automatico. Il 1.6 HDi da 92 CV è l'unica motorizzazione a gasolio, e verrà commercializzato con la sola trasmissione manuale.

Debutto a Parigi. La Peugeot 301 sarà fabbricata nello stabilimento spagnolo di Vigo e verrà presentata al Salone di Parigi nel mese di settembre. Le vendite inizieranno il 1° novembre in Turchia per poi ampliarsi in Europa Orientale, Russia, Ucraina, Grecia, Medio Oriente, paesi del Maghreb e del Golfo, oltre che in alcune nazioni dell'Africa e dell'America Latina.

Le nuove denominazioni. La nuova quattro porte dunque, non nasce come erede dell'attuale 308, ma si configura come una proposta che interesserà solo marginalmente le nostre latitudini. La Casa ha colto l'occasione per annunciare anche la sua nuova politica di naming: le denominazioni rimarranno incentrate sullo "0" centrale e manterranno la struttura a tre cifre. Al di là della conferma della prima cifra come indicazione del segmento di appartenenza, la novità è costituita dal terzo numero, che d'ora in avanti sarà solo "1" oppure "8".

Confermato il doppio zero. Il primo identificherà tutti i modelli "di conquista", quelli che realizzeranno il progresso commerciale della Peugeot sui mercati emergenti, grazie alle loro caratteristiche di praticità, versatilità, concretezza ed economicità. Il secondo rimarrà stabilmente a contrassegnare la gamma "occidentale": le eredi delle varie 208 e 308, non cambieranno nome al prossimo aggiornamento, ma confermeranno le denominazioni attualmente in vigore. Solo quelli rimasti alla "generation 7", come la 107, passeranno al nuovo formato. Oltre che nella gamma "8", anche nella nuova linea con l'"1" finale, ci sarà spazio per i modelli con il doppio zero centrale, quelli caratterizzati da una carrozzeria più alta delle normali berline.

Fabio Sciarra

avatar
Mirco Magazzeno
24 maggio 2012 13.58
Bella questo copia della Volvo!
avatar
antonio calò
24 maggio 2012 14.32
Allineata allo stile attuale, semplificata e ben proporzionata. Non è male ma dubito che avrà prezzi da "logan".
avatar
marco rossi
24 maggio 2012 14.34
una volta tanto preferisco la Fiat che, con la Viaggio, dovrebbe avere buone carte contro questa. In questo momento trovo le Peugeot troppo elaborate
risposta >
avatar
Bruno Tonelli
24 maggio 2012 15.13
sembra più una concorrente della Fiat Linea che della Fiat Viaggio. Questa è 4.44, la viaggio 4.68.
avatar
vin leo
24 maggio 2012 15.05
COSAAAA???? Una vettura destinata all'Europa dell'Est e al 3 mondo (se così ancora si può chiamare) viene costruita in Spagna cioè in UE??? Ma allora forse il costo del lavoro incide davvero solo per il 7% sul prodotto finito. Ma allora chi va a costruire in Cina non solo per quel mercato (come sarebbe ovvio), ma anche per esportare in Europa, forse forse ci sta raccontando delle menzogne???
ARTICOLI CORRELATI
Novità su Quattroruote