Citroën C-Élysée e C4 LDue modelli per i mercati emergenti

Citroën C-Élysée e C4 L Due modelli per i mercati emergenti
 

La Citroën presenta i nuovi modelli C4 L e C-Élysée, dedicati ai mercati emergenti del panorama internazionale. Nel 2011 la Casa francese ha venduto 500.000 veicoli al di fuori del mercato europeo, con una aumento del 3% rispetto al 2010. La formula scelta per le nuove proposte è quella molto apprezzata della berlina di segmento C, che la Citroën vuole personalizzare in base alle esigenze delle singole aree geografiche, sfruttando le sinergie interne.

C-Élysée. Prodotta in Spagna e dedicata a Turchia, Europa centrale e Algeria, debutterà entro la fine del 2012. Dotata di un passo di 2,65 metri, per offrire il massimo spazio nell'abitacolo e un bagagliaio da 506 litri, dispone di assetto e meccanica testati per resistere anche ai terreni più accidentati, con specifiche protezioni aggiuntive della scocca. L'equipaggiamento di serie prevede climatizzatore, sensori di parcheggio, radio con lettore Mp3, connessione Bluetooth, ed Esp. La gamma propulsori comprende anche il nuovo tre cilindri di 1.2litri VTI da 72 CV a con trasmissione manuale o automatica, ottimizzato per l'utilizzo di questo modello e capace di un consumo medio dichiarato di 5.0 litri/100 km e 115 g/km di CO2, in alternativa al VTi da 115 CV e all'HDI da 92: quest'ultimo dichiara 4,1 l/100 km e 108 g/km.

C4 L. Rivolta ai mercati emergenti, come Russia e Cina, la C4 L punta l'attenzione al comfort, alla finiture e allo stile. Opera prima del nuovo Centro stile di Shanghai, pone l'attenzione ai passeggeri della zona posteriore, grazie al passo allungato fino a 2,71 metri, i poggiatesta comfort e lo schienale inclinato di 29 gradi, e 440 litri di bagagliaio. Tutto dà l'impressione di essere a bordo di un'auto di categoria superiore, dotazione compresa. In base agli allestimenti, la C4 L propone infatti sistema Start&Stop, fari allo Xeno, navigatore satellitare touchscreen, parabrezza riscaldato e ionizzatore integrato nel sistema di climatizzazione.

La gamma propulsori comprenderà i già noti 4 cilindri di 1.6 litri THP da 155 e 170 CV sviluppati in collaborazione tra Psa e la BMW ed il 1.800 VTI da 135 CV (solo in Cina), abbinabili anche alla trasmissione automatica 6 rapporti. La C4 L sarà differenziata per allestimenti e versioni in base ai mercati di destinazione e per questo sarà prodotta sia a Wuhan, per i clienti cinesi, sia a Kaluga, per quelli Russi. Il debutto è fissato tra la fine del 2012 e l'inizio del 2013. L.Cor.

avatar
Lavedi De Marchis
20 giugno 2012 17.09
Bella, come la Viaggio, la Linea e l'Astra a 3 volumi. Io non la comprerei mai e mi sentirei molto più a mio agio su una 2 volumi nata tale che su una 3 volumi nata dall'aggiunta di un terzo volume ad una segmento C / B o peggio ancora, ricavata su pianale di una segmento B, dismesso nei paesi del vecchi continente.
avatar
Alessandro Da Bologna
20 giugno 2012 17.11
La prima sembra una jetta rivisitata. La Seconda è una C4 con la coda, forse meglio della C4 berlina. Direi che in ogni caso la Fiat Viaggio sia più bella di entrambi questi modelli, oltre a offrire ottimi motori di potenze analoghe (120 e 150 cavalli) associati a cilindrate ridotte (1.4). Ho dei dubbi sul fatto che un motore con 72 cv possa consumare meno su un'auto di queste dimensioni.
avatar
Ale Cini
20 giugno 2012 17.28
Linea ANOnima che conferisce l'aspetto del "vecchio" o del "già visto"
avatar
Andrea Bollani
20 giugno 2012 18.58
la prima è propio brutta, triste grigia e deprimente: sembra già impolverata e dimessa anche da nuova... un record.
la C4 L invece non è niente male! il muso leggermente diverso rispetto alla c4 5 porte mi piace: da più importanza, dovrebbero metterlo su tutte, poi il volume aggiunto è abbastanza gradevole: con tanto di lunotto concavo... il citroenista nascosto in me è quasi commosso.
avatar
Giò M
20 giugno 2012 19.16
ultimamente vedo delle linee tendenti alla bruttezza, viaggio docept....seguo con interesse questa nuova tendenza stilistica
Novità su Quattroruote